lunedì 31 ottobre 2016

Hallowen racconto


Artigli di sangue



Emilia sferrò un calcio all’auto che si era fermata in una strada deserta, proprio di notte. S’incamminò in strada in cerca d’aiuto, scorse un viale che portava all’ingresso di una villa circondata da statue dalla figura spettrale.
Erano dodici statue di donne dalle sembianze sinistre, disposte a cerchio. Provò paura, pensò di tornare indietro, ma ormai era lì, decise di procedere lentamente.
Al centro del cerchio delle statue vide un piedistallo vuoto. Si avvicinò incuriosita, due braccia l’afferrarono immobilizzandola sul piedistallo.
Le statue si animarono, trasformandosi in streghe dai capelli lunghi, le mani ad artigli, gli occhi rosso fuoco. Le arpie sghignazzavano, ridevano stridulamente, emettendo un suono gracchiante come i corvi. Cercò di allontanarsi, ma i suoi piedi erano come incollati al piedistallo, le membra simili al marmo.
Urlò, ma nessuno poteva sentirla.
Comprese che le streghe invocavano qualcuno, ripetendo frasi incomprensibili, il presentimento si trasformò in realtà: davanti a lei apparve una creatura orribile.
Gocce di sudore le imperlavano la fronte, l’urina le bagnò le gambe.
L’essere mostruoso aveva un aspetto animalesco, le mani ed i piedi con artigli, il corpo ricoperto da folta peluria.
Si accostò, con gli artigli la denudò, procurandole delle lacerazioni sul corpo. La leccò con la lingua biforcuta, come i rettili.
Emilia gridò di dolore e raccapriccio.
Capì d’essere l’offerta che le streghe anelavano immolare alla loro divinità.

Sentì gli artigli conficcarsi vicino al cuore, la vita scivolarle via.
Non voleva morire.
Fu l’ultimo pensiero.
Divenne il macabro pasto delle streghe e della loro divinità.
Le streghe sottrassero la vita ad Emilia per riprendere la loro.
Le statue del giardino scomparvero, solo i piedistalli rimasero nel viale.
Qualcuno giura di sentire urla agghiaccianti quando passa vicino alla villa.
Le urla strazianti d’Emilia.


venerdì 28 ottobre 2016

HALLOWEN E LIBRI


La festa di Hallowen trae origini dalle usanze celtiche, irlandesi,  la festa di Samhauni, ovvero festa di fine estate. 
Si narra che il 31 ottobre i morti uscissero dalle loro tombe e vagassero in cerca di un corpo nuovo, per difendersi dai morti ai contadini irlandesi non restava che travestirsi anche loro da esseri orribili, per non creare attrattive tra i morti ed evitare che si impossessassero del corpo. 
Questa festa è stata poi importata in America dagli emigranti irlandesi ed ha assunto un'importanza tale che ha trascinato anche l'Europa nelle celebrazioni di questa festa tutta pagana. Ormai tutti gli anni le zucche e "dolcetti e scherzetti" percorrono le strade e le case non solo americane, ma ormai possiamo definirla una ricorrenza "mondiale".
Per chi vuole approfondire le conoscenze su questa festa consiglio:
  • La Religione degli antichi Celti di J.A. MacCulloch
  • La notte delle zucche  di P. Gulisano e B. O’Neil.

Naturalmente anche la letteratura si è adeguata a questa festa che è strettamente legata alla produzione letteraria di libri horror. 
Visto che mancano pochi giorni ad allestire le nostre case di zucche intagliate, streghe, vampiri, scheletri e pipistrelli, ne approfittiamo per leggere qualche libro legato al tema.
Naturalmente la produzione è vastissima, vi suggerisco quindi alcuni classici, che ho letto da ragazzina e che sono rimasti nel mio cuore:


  1. Il pozzo ed il pendolo di E.A. Poe
  2. Il ritratto di Dorian Gray di O. Wilde
  3. La strage degli innocenti di A. Christie , con il grande Poirot
  4. Lo strano caso del dottor Jekill e del signor Hyde di Stenvenson
  5. Frankstein di M. Shelley
  6. Dracula di B. Stoker





Ma anche autori più recenti come:


  •  S. King ed alcuni suoi titoli: IT, SHINNING, LE NOTTI DI   SALEM...
  • D. Brown: INFERNO
  • A. Rice: INTERVISTA COL VAMPIRO.




La lista è davvero lunga l'interrompo per lasciare lo spazio a voi per qualche suggerimento.
MLF


martedì 25 ottobre 2016

Ketty

All'inizio i miei racconti brevi erano incentrati sul genere horror, rileggendoli sorrido...
Buona lettura, ma solo per chi ha lo stomaco forte!!!




KETTY



Ketty amava definirsi creatura della notte. Era vestita di stracci. Non aveva paura. Viveva nelle fogne di una grande città come Londra.
Era stata abbandonata da piccola da una famiglia povera, con troppe bocche da sfamare.
Aveva imparato a difendersi dai tanti derelitti come lei, e sputare addosso a quanti la guardavano con una smorfia di disgusto per il suo aspetto ripugnante.
Il suo aspetto oltre che ripugnante era sinistro.
Viveva in una baracca fatta di cartoni, dove i suoi migliori compagni erano i topi e gli scarafaggi.

Campava di elemosina, che gli veniva concessa facilmente, proprio per allontanare dai negozi una simile creatura del diavolo.

Ben presto capì che la vera natura del suo animo era di una ferocia inaudita, l’aveva sperimentata con i topi che infestavano la sua baracca.


Con naturale sadismo infilzava gli occhi dei topi, dopo averli appesi vivi ad un asse di legno, che faceva le funzioni di porta, quindi si divertiva a piantare dei chiodi in parti non vitali per assistere alla loro lenta agonia.

I puzzolenti cadaveri dei topi tappezzavano la sua fatiscente porta.

La sua sadica ferocia si estese a tutti gli animali.
Ma ancora non era sazia del sangue che inutilmente versava dei poveri animali. La sua sete assassi9na era appena sbocciata.
Fu così che decise di provare con le persone, odiava con tutte le sue forze il genere umano, soprattutto le donne; ne odiava la bellezza, l’eleganza, i modi gentili.
Le uniche persone che accettava erano i derelitti e i delinquenti come lei.
Tutto il resto del mondo per lei era solo spazzatura, indegna di esistere.

La sua prima vittima fu una donna, la colpii l’eleganza dei lunghi vestiti, i capelli lunghi raccolti con delle spille, ma soprattutto i lineamenti dolci.

Complice la nebbia della città con un coltello puntato sul fianco la trascinò fino alla sua baracca. Le fece togliere gli eleganti vestiti, quindi la legò ad un palo. Le infilò due lunghe asticelle negli occhi: a nulla valsero le suppliche della povera donna, anzi la divertivano, più la supplicava più rideva. Poi la ferì in più parti del corpo e ammirò estasiata il sangue caldo e rosso sgorgare dalle ferite che scivolava a terra formando un piccolo lago di sangue.
L’agonia della donna durò ore, le urla di dolore diventarono sempre più deboli fino ad esalare l’ultimo respiro.

Ne uccise molte altre, sempre ammirando estasiata come la vita lentamente abbandona il corpo.

Avrebbe continuato ad uccidere senza pietà alcuna.

L’ultima vittima, però, si era difesa.
Le aveva dato un morso, nel tentativo di difendersi, che le aveva quasi spolpato un braccio.
Riuscì anche a raccogliere un pezzo di legno appuntito e con tutta la forza della disperazione lo conficcò in un fianco della sua carnefice, provocando uno squarcio da cui il sangue fluiva a fiotti.

Ketty riuscì ugualmente a completare la sua opera.

Solo che stavolta anche la sua vittima poteva godere nel vedere esalare l’ultimo fiato alla sua seviziatrice.
MLF




lunedì 24 ottobre 2016

20.000 visite


venerdì 21 ottobre 2016

il piccolo scrivano fiorentino


Ecco per voi uno dei racconti mensili tratto dal libro Cuore


IL PICCOLO SCRIVANO FIORENTINO.
(Racconto mensile)



Faceva la quarta elementare. Era un grazioso fiorentino di dodici anni, nero di capelli e bianco di viso, figliuolo maggiore d’un impiegato delle strade ferrate, il quale, avendo molta famiglia e poco stipendio, viveva nelle strettezze. Suo padre lo amava ed era assai, ed era buono e indulgente con lui: indulgente in tutto fuorchè in quello che toccava la scuola: in questo pretendeva molto e si mostrava severo perchè il figliuolo doveva mettersi in grado di ottener presto un impiego per aiutar la famiglia; e per valer presto qualche cosa [p. 66 modifica]gli bisognava faticar molto in poco tempo. E benchè il ragazzo studiasse, il padre lo esortava sempre a studiare. Era già avanzato negli anni, il padre, e il troppo lavoro l’aveva anche invecchiato prima del tempo. Non di meno, per provvedere ai bisogni della famiglia, oltre al molto lavoro che gl’imponeva il suo impiego, pigliava ancora qua e là dei lavori straordinari di copista, e passava una buona parte della notte a tavolino. Da ultimo aveva preso da una Casa editrice, che pubblicava giornali e libri a dispense, l’incarico di scriver sulle fasce il nome e l’indirizzo degli abbonati, e guadagnava tre lire per ogni cinquecento di quelle strisciole di carta, scritte in caratteri grandi e regolari. 
Ma questo lavoro lo stancava, ed egli se ne lagnava spesso con la famiglia, a desinare. — I miei occhi se ne vanno, — diceva, — questo lavoro di notte mi finisce. — Il figliuolo gli disse un giorno: — Babbo, fammi lavorare in vece tua; tu sai che scrivo come te, tale e quale. — Ma il padre gli rispose: — No figliuolo; tu devi studiare; la tua scuola è una cosa molto più importante delle mie fasce; avrei rimorsi di rubarti un’ora; ti ringrazio, ma non voglio, e non parlarmene più.
Il figliuolo sapeva che con suo padre, in quelle cose, era inutile insistere, e non insistette. Ma ecco che cosa fece. Egli sapeva che a mezzanotte in punto suo padre smetteva di scrivere, e usciva [p. 67 modifica]dal suo stanzino da lavoro per andare nella camera da letto. Qualche volta l’aveva sentito: scoccati i dodici colpi al pendolo, aveva sentito immediatamente il rumore della seggiola smossa e il passo lento di suo padre. Una notte aspettò ch’egli fosse a letto, si vestì piano piano, andò a tentoni nello stanzino, riaccese il lume a petrolio, sedette alla scrivania, dov’era un mucchio di fasce bianche e l’elenco degli indirizzi, e cominciò a scrivere, rifacendo appuntino la scrittura di suo padre. E scriveva di buona voglia, contento, con un po’ di paura, e le fasce s’ammontavano, e tratto tratto egli smetteva la penna per fregarsi le mani, e poi ricominciava con più alacrità, tendendo l’orecchio, e sorrideva. Centosessanta ne scrisse: una lira! Allora si fermò, rimise la penna dove l’aveva presa, spense il lume, e tornò a letto, in punta di piedi.
Quel giorno, a mezzodì, il padre sedette a tavola di buon umore. Non s’era accorto di nulla. Faceva quel lavoro meccanicamente, misurandolo a ore e pensando ad altro, e non contava le fasce scritte che il giorno dopo. Sedette a tavola di buonumore, e battendo una mano sulla spalla al figliuolo: — Eh, Giulio, — disse, — è ancora un buon lavoratore tuo padre, che tu credessi! In due ore ho fatto un buon terzo di lavoro più del solito, ieri sera. La mano è ancora lesta, e gli occhi fanno ancora il loro dovere. — E Giulio, [p. 68 modifica]contento, muto, diceva tra sè: “Povero babbo, oltre al guadagno, io gli dò ancora questa soddisfazione, di credersi ringiovanito. Ebbene, coraggio„.
Incoraggiato dalla buona riuscita, la notte appresso, battute le dodici, su un’altra volta, e al lavoro. E così fece per varie notti. E suo padre non s’accorgeva di nulla. Solo una volta, a cena, uscì in quest’esclamazione: — È strano, quanto petrolio va in questa casa da un po’ di tempo! — Giulio ebbe una scossa; ma il discorso si fermò lì. E il lavoro notturno andò innanzi.
Senonchè, a rompersi così il sonno ogni notte, Giulio non riposava abbastanza, la mattina si levava stanco, e la sera, facendo il lavoro di scuola, stentava a tener gli occhi aperti. Una sera, — per la prima volta in vita sua, — s’addormentò sul quaderno. — Animo! animo! — gli gridò suo padre, battendo le mani, — al lavoro! — Egli si riscosse e si rimise al lavoro. Ma la sera dopo, e i giorni seguenti, fu la cosa medesima, e peggio: sonnecchiava sui libri, si levava più tardi del solito, studiava la lezione alla stracca, pareva svogliato dello studio. Suo padre cominciò a osservarlo, poi a impensierirsi, e in fine a fargli dei rimproveri. Non glie ne aveva mai dovuto fare! — Giulio, — gli disse una mattina, — tu mi ciurli nel manico, tu non sei più quel d’una volta. Non mi va questo. Bada, tutte le speranze della [p. 69 modifica]famiglia riposano su di te. Io son malcontento, capisci! — A questo rimprovero, il primo veramente severo ch’ei ricevesse, il ragazzo si turbò. E “sì, — disse tra sè, — è vero; così non si può continuare; bisogna che l’inganno finisca.„ Ma la sera di quello stesso giorno, a desinare, suo padre uscì a dire con molta allegrezza: — Sapete che in questo mese ho guadagnato trentadue lire di più che nel mese scorso, a far fasce! — e dicendo questo, tirò di sotto alla tavola un cartoccio di dolci, che aveva comprati per festeggiare coi suoi figliuoli il guadagno straordinario, e che tutti accolsero battendo le mani. E allora Giulio riprese animo, e disse in cuor suo: “No, povero babbo, io non cesserò d’ingannarti; io farò degli sforzi più grandi per studiar lungo il giorno; ma continuerò a lavorare di notte per te e per tutti gli altri.„ E il padre soggiunse: — Trentadue lire di più! Son contento... Ma è quello là, — e indicò Giulio, — che mi dà dei dispiaceri. — E Giulio ricevè il rimprovero in silenzio, ricacciando dentro due lagrime che volevano uscire; ma sentendo ad un tempo nel cuore una grande dolcezza.
E seguitò a lavorare di forza. Ma la fatica accumulandosi alla fatica, gli riusciva sempre più difficile di resistervi. La cosa durava da due mesi. Il padre continuava a rimbrottare il figliuolo e a guardarlo con occhio sempre più corrucciato. Un [p. 70 modifica]giorno andò a chiedere informazioni al maestro, e il maestro gli chiese: - Sì, fa, fa, perché ha intelligenza. Ma non ha più la voglia di prima. Sonnecchia, sbadiglia, è distratto. Fa delle composizioni corte, buttate giù in fretta, in cattivo carattere. Oh! potrebbe far molto, ma molto di più. - Quella sera il padre prese il ragazzo in disparte e gli disse parole più gravi di quante ei ne avesse mai intese. - Giulio, tu vedi ch’io lavoro, ch’io mi logoro la vita per la famiglia. Tu non mi assecondi. Tu non hai cuore per me, nè per i tuoi fratelli, nè per tua madre! - Ah no! non lo dire, babbo! - gridò il figliuolo scoppiando in pianto, e aprì la bocca per confessare ogni cosa. Ma suo padre l’interruppe, dicendo: - Tu conosci le condizioni della famiglia; sai se c’è bisogno di buon volere e di sacrifici da parte di tutti. Io stesso, vedi, dovrei raddoppiare il mio lavoro. Io contavo questo mese sopra una gratificazione di cento lire alle strade ferrate, e ho saputo stamani che non avrò nulla! - A quella notizia, Giulio ricacciò dentro subito la confessione che gli stava per fuggire dall’anima, e ripeté risolutamente a sé stesso: - No, babbo, io non ti dirò nulla; io custodirò il segreto per poter lavorare per te; del dolore di cui ti son cagione, ti compenso altrimenti; per la scuola studierò sempre abbastanza da esser promosso; quello che importa è di aiutarti a guadagnar la vita, e di alleggerirti la fatica che t’uccide. - [p. 71 modifica]E tirò avanti, e furono altri due mesi di lavoro di notte e di spossatezza di giorno, di sforzi disperati del figliuolo e di rimproveri amari del padre. Ma il peggio era che questi s’andava via via raffreddando col ragazzo, non gli parlava più che di rado, come se fosse un figliuolo intristito, da cui non restasse più nulla a sperare, e sfuggiva quasi d’incontrare il suo sguardo. E Giulio se n’avvedeva, e ne soffriva, e quando suo padre voltava le spalle, gli mandava un bacio furtivamente, sporgendo il viso, con un sentimento di tenerezza pietosa e triste; e tra per il dolore e per la fatica, dimagrava e scoloriva, e sempre più era costretto a trasandare i suoi studi. E capiva bene che avrebbe dovuto finirla un giorno, e ogni sera si diceva: — Questa notte non mi leverò più; — ma allo scoccare delle dodici, nel momento in cui avrebbe dovuto riaffermare vigorosamente il suo proposito, provava un rimorso, gli pareva, rimanendo a letto, di mancare a un dovere, di rubare una lira a suo padre e alla sua famiglia. E si levava, pensando che una qualche notte suo padre si sarebbe svegliato e l’avrebbe sorpreso, o che pure si sarebbe accorto dell’inganno per caso, contando le fasce due volte; e allora tutto sarebbe finito naturalmente, senza un atto della sua volontà, ch’egli non si sentiva il coraggio di compiere. E così continuava.
Ma una sera, a desinare, il padre pronunciò [p. 72 modifica]una parola che fu decisiva per lui. Sua madre lo guardò, e parendole di vederlo più malandato e più smorto del solito, gli disse: - Giulio, tu sei malato. - E poi, voltandosi al padre, ansiosamente: - Giulio è malato. Guarda com’è pallido! Giulio mio, cosa ti senti? - Il padre gli diede uno sguardo di sfuggita, e disse: - È la cattiva coscienza che fa la cattiva salute. Egli non era così quando era uno scolaro studioso e un figliuolo di cuore. - Ma egli sta male! - esclamò la mamma. - Non me ne importa più! - rispose il padre.
Quella parola fu una coltellata al cuore per il povero ragazzo. Ah! non glie ne importava più. Suo padre che tremava, una volta, solamente a sentirlo tossire! Non l’amava più dunque, non c’era più dubbio ora, egli era morto nel cuore di suo padre... Ah! no, padre mio, - disse tra sé il ragazzo, col cuore stretto dall’angoscia, - ora è finita davvero, io senza il tuo affetto non posso vivere, lo rivoglio intero, ti dirò tutto, non t’ingannerò più, studierò come prima; nasca quel che nasca, purché tu torni a volermi bene, povero padre mio! Oh questa volta son ben sicuro della mia risoluzione!
Ciò non di meno, quella notte si levò ancora, per forza d’abitudine, più che per altro; e quando fu levato, volle andare a salutare, a riveder per qualche minuto, nella quiete della notte, per l’ultima volta, quello stanzino dove aveva tanto la- [p. 73 modifica]vorato segretamente, col cuore pieno di soddisfazione e di tenerezza. E quando si ritrovò al tavolino, col lume acceso, e vide quelle fasce bianche, su cui non avrebbe scritto mai più quei nomi di città e di persone che oramai sapeva a memoria, fu preso da una grande tristezza, e con un atto impetuoso ripigliò la penna, per ricominciare il lavoro consueto. Ma nello stender la mano urtò un libro, e il libro cadde. Il sangue gli diede un tuffo. Se suo padre si svegliava! Certo non l’avrebbe sorpreso a commettere una cattiva azione, egli stesso aveva ben deciso di dirgli tutto; eppure... il sentir quel passo avvicinarsi, nell’oscurità; - l’esser sorpreso a quell’ora, in quel silenzio; - sua madre che si sarebbe svegliata e spaventata, - e il pensar per la prima volta che suo padre avrebbe forse provato un’umiliazione in faccia sua, scoprendo ogni cosa... tutto questo lo atterriva, quasi. Egli tese l’orecchio, col respiro sospeso... Non sentì rumore. Origliò alla serratura dell’uscio che aveva alle spalle: nulla. Tutta la casa dormiva. Suo padre non aveva inteso. Si tranquillò. E ricominciò a scrivere. E le fasce s’ammontavano sulle fasce. Egli sentì il passo cadenzato delle guardie civiche giù nella strada deserta; poi un rumore di carrozza che cessò tutt’a un tratto; poi, dopo un pezzo, lo strepito d’una fila di carri che passavano 
lentamente; poi un silenzio profondo, rotto a quando a quando [p. 74 modifica]dal latrato lontano d’un cane. E scriveva, scriveva. E intanto suo padre era dietro di lui: egli s’era levato udendo cadere il libro, ed era rimasto aspettando il buon punto; lo strepito dei carri aveva coperto il fruscio dei suoi passi e il cigolio leggiero delle imposte dell’uscio; ed era là, - con la sua testa bianca sopra la testina nera di Giulio, - e aveva visto correr la penna sulle fasce, - e in un momento aveva tutto indovinato, tutto ricordato, tutto compreso, e un pentimento disperato, una tenerezza immensa, gli aveva invaso l’anima, e lo teneva inchiodato, soffocato là, dietro al suo bimbo. All’improvviso, Giulio diè un grido acuto, - due braccia convulse gli avevan serrata la testa. - O babbo! babbo, perdonami! perdonami! - gridò, riconoscendo suo padre al pianto. - Tu, perdonami! - rispose il padre, singhiozzando e coprendogli la fronte di baci, - ho capito tutto, so tutto, son io, son io che ti domando perdono, santa creatura mia, vieni, vieni con me! - E lo sospinse, o piuttosto se lo portò al letto di sua madre, svegliata, e glielo gettò tra le braccia e le disse: - Bacia quest’angiolo di figliuolo che da tre mesi non dorme e lavora per me, e io gli contristo il cuore, a lui che ci guadagna il pane! - La madre se lo strinse e se lo tenne sul petto, senza poter raccoglier la voce; poi disse: - A dormire, subito, bambino mio, va’ a dormire, a riposare! [p. 75 modifica]Portalo a letto! — Il padre lo pigliò fra le braccia, lo portò nella sua camera, lo mise a letto, sempre ansando e carezzandolo, e gli accomodò i cuscini e le coperte. — Grazie, babbo, — andava ripetendo il figliuolo, — grazie; ma va a letto tu ora; io sono contento; va a letto, babbo. — Ma suo padre voleva vederlo addormentato, sedette accanto al letto, gli prese la mano e gli disse: — Dormi, dormi figliuol mio! — E Giulio, spossato, s’addormentò finalmente, e dormì molte ore, godendo per la prima volta, dopo vari mesi, d’un sonno tranquillo, rallegrato da sogni ridenti; e quando aprì gli occhi, che splendeva già il sole da un pezzo, sentì prima, e poi si vide accosto al petto, appoggiata sulla sponda del letticciolo, la testa bianca del padre, che aveva passata la notte così, e dormiva ancora, con la fronte contro il suo cuore.

https://it.wikisource.org/wiki/Cuore_(1889)/Dicembre/Il_piccolo_scrivano_fiorentino

Edmondo De Amicis



Il 21 ottobre del 1846 nasceva Edmondo De Amicis, scrittore e giornalista, ricordato per aver scritto il famosissimo Libro per ragazzi CUORE.
Un libro che chi ha la mia età ricorderà quante lacrime abbiamo versato verso le  storie "mensili" strappalacrime, pubblicate all'interno della storia di alcuni compagni di classe di una scuola torinese.

Chi non ha amato: La piccola vedetta Lombarda, Sangue Romagnolo,Il tamburino sardo, il piccolo scrivano fiorentino...


Un libro che è stato molto bistrattato,  in quanto ritenuto troppo lacrimevole, troppo risorgimentale, troppo ideologico. 
Tuttavia questo libro, il cui pregio di essere scritto come un diario scolastico, ha avuto un valore importantissimo che pochi gli riconoscono, il libro è stato scritto con l'intento di unire questa Italia attraverso i racconti, l'intento non era solo di natura pedagogica, ma soprattutto sociale.
Quest'Italia appena unificata, ancora non si conosceva tra le varie regioni, si parlavano dialetti diversi, le scuole erano ancora deserte, l'analfabetismo dilagava e l'italiano, come lingua  ufficiale, era ancora poco conosciuta. 
Il romanzo ha unificato il paese in modo molto  forte, e le storie portavano a conoscenza un altra parte di noi, quelle regioni di cui non si conoscevano usi e costumi.
La vita di De Amicis fu travagliata, scossa dai continui litigi con la moglie, un figlio suicida, e rapporti difficili anche con l'altro, avvocato, che amava la solitudine.
Mori a Bordighera nel 1908 per emorragia cerebrale. Alla morte dell'unico figlio erede,  e della moglie di lui, l'ingente patrimonio del De Amicis, che doveva essere destinato al comune di Torino città in cui visse, ed ai poveri, sparì misteriosamente.


http://www.raistoria.rai.it/articoli/edmondo-de-amicis-il-libro-cuore/25297/default.aspx

mercoledì 19 ottobre 2016

Amici di Ron. Concorso di poesia.


L'associazione "Amici di Ron" ha indetto il IV concorso nazionale del :Premio Poetico Nazionale Amici di L. Ron Hubbard  il cui tema per la partecipazione sarà: Vivo sul pianeta Terra.




Il concorso è completamente gratuito, si partecipa inviando una poesia inedita, oppure un video audio/poetico o un monologo teatrale inedito.

Il termine per l'iscrizione è fissato per il 31 gennaio del 2017, quindi avete tutto il tempo per scrivere una bellissima poesia, niente scuse! Forza mettetevi subito all'opera il premio è davvero allettante: un week end a LONDRA.

Vale la pena partecipare, io ci provo con il monologo.
Buona giornata amici del web.
Maria Lucia

martedì 18 ottobre 2016

Stabat Mater di Tiziano Scarpa

Cecilia, appena nata, è stata abbandonata dalla madre nell'orfanotrofio delle giovani orfane dell'ospedale della Pietà di Venezia.
E' stata accolta dalle suore, le è stato dato un nome e lasciato una mezza rosa dei venti, l'altra metà la possiede la madre, nel caso in cui possa avvenire un ricongiungimento tra loro due, sarà il loro segno di riconoscimento.

Cecilia è diversa dalle altre ragazze dell'orfanotrofio, è solitaria, non parla con le altre, da quando ha compreso che lei stata abbandonata, il suo cuore non pensa che a quell'abbandono, ne sente costantemente il dolore ed il peso della solitudine che l'accompagna in ogni secondo dalle sua giovane vita. 

La notte non dorme, scivola leggera nei corridoi e lungo le scale dell'ospedale. Ha iniziato a scrivere alla madre, non la conosce, ma la immagina, e stabilisce un rapporto delicato e doloroso nel contempo con questa madre immaginaria. 

In queste ore notturne, incontra e dialoga con personaggi diversi, creati dalla solitudine e facilitati dal buio della notte, parla con la morte, questa signora  immaginaria con i capelli pieni di serpenti. Questo dialogo con la  morte le insinua dubbi e perplessità, ed al tempo stesso l'incoraggia a chiedersi sempre il perché delle cose, e le fa osservare la realtà in cui vive con occhio critico, di una ragazza che si affaccia alla maturità. 

Cecilia è sempre rimasta rinchiusa in quell'ospedale, senza speranza di poter uscire o di rivedere la madre, la sua è una vita di solitudine in quella prigione che è l'orfanotrofio, e di tristezza per la consapevolezza che dovrà sempre ubbidire e sottostare alla volontà delle suore, nonostante la giovanissima età, 16 anni, vive come se fosse una donna già vecchia.

Unica consolazione è la musica, suona il violino e fa parte del Coro,  inseme con le altre sorelle di sventura, e  con i loro canti angelici raccolgono soldi per l'orfanotrofio, ed è l'unico momento in cui può uscire nel breve tragitto fino alla chiesa. 
Ma in quelle ore silenziose e buie non sarà più sola incontrerà...... Non vi svelo altro.




Stabat mater è un libro delicato, leggero, vibrante come la musica che pervade tutto il libro. E' una storia di paura, di solitudine di tristezza, visti attraverso gli occhi di una virginea ragazza che si affaccia alla vita, che comincia a porsi delle domande, a cui dovrà dare delle risposte da sola,sa di non potere fare affidamento su nessuno, se non con se stessa. 

Certo potrà continuare a vivere lì dentro, o aspettare che qualcuno la cerchi in sposa, ma dentro il suo cuore nascono domande diverse, e parlando con l'alter ego, rappresentato dalla morte e dalla madre sconosciuta, comprende che la vita può essere anche altrove, non è circoscritta all'insegnamento ricevuto all'interno,  bisogna soltanto cercare di abbandonare le paure e la solitudine del cuore.
Il filo conduttore del racconto è sicuramente l'introspezione del personaggio di Cecilia, ma viva e presente è anche la figura della madre, immaginata, certo, ma è viva in tutte le righe del romanzo.

E' un libro commovente e coinvolgente che consiglio vivamente di leggere



Tiziano Scarpa, 1963, ha vinto con questo libro ben due premi: Strega nel 2009 e SuperMondello  sempre nello stesso anno. Scrive anche poesie, testi per canzoni e opere teatrali. Ama anche cimentarsi nelle letture sceniche ed a partecipato a programmi radiofonici e film.


Maria Lucia Ferlisi

lunedì 17 ottobre 2016

Un pò di libri




Ieri girando per il centro storico della mia città Mantova, vi erano diverse bancarelle, naturalmente io mi sono proiettata subito su una, un po' nascosta, dietro la bellissima Chiesa di San Lorenzo, era colma di libri, di tutti i generi!

La scelta non è stata facile, li avrei presi tutti, tra quelli ovviamente che ancora non avevo letto, ma con me c'era mio marito, il quale ha ripetuto, quasi come una cantilena, le frasi:
"ma non è hai già abbastanza",
"dove pensi di metterli, la libreria è già piena",
"ma quando li leggerai?".

Incurante delle frasi ho proceduto nell'acquisto e sono ritornata a casa con il mio piccolo bottino ad un prezzo irrisorio: 17 euro!
 Pensate il romanzo della Sanchez è ancora cellofanato!

Adesso vi saluto comincio subito la lettura di: La strada di Smirne di Antonia Arslan, un'autrice di cui ammiro l'eleganza della scrittura.

venerdì 14 ottobre 2016

Autunno


Con questa pioggia battente, l'autunno si è presentato con forza, proprio per ricordarci che l'estate è ormai finita. 



Allora accendiamo il camino, così la legna potrà scaldarci. Prendiamo una copertina, morbida che accarezzi il corpo e abbandoniamoci alla gioia di leggere un buon libro....


L’estate è finita
Sono più miti le mattine
e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo.
La rosa non è più nella città.
L’acero indossa una sciarpa più gaia.
La campagna una gonna scarlatta,
Ed anch’io, per non essere antiquata,
mi metterò un gioiello.
Emily Dickinson

mercoledì 12 ottobre 2016

Un leggero caldo Vento di scirocco di Ferlisi Maria Lucia




Una bellissima recensione di Paola Casadei sul sito "Gli Scrittori della Porta accanto".

http://www.gliscrittoridellaportaaccanto.com/2016/10/libri-un-leggero-caldo-vento-di.html

Un leggero caldo vento di scirocco di Maria Lucia Ferlisi, Leucotea, 2016. Pregiudizi ed ipocrisia nella Marsala degli anni '30, un romanzo senza falsi moralismi.

Una frase che cita l’autrice è:
Un romanzo che narra di un amore distrutto dal silenzio e dall’orgoglio. 
Semplice, diretto, esplicito. Ma sarà davvero distrutto? Non c’è proprio la possibilità di una seconda opportunità?
Un leggero caldo vento di scirocco è il libro di esordio di Maria Lucia Ferlisi, originaria di Marsala, che ha lasciato da giovane, ma che evidentemente le è rimasta nel cuore.
Ed è proprio a Marsala, una piccola città della Sicilia, che il libro è ambientato, più o meno negli anni Trenta. Si tratta di un breve romanzo che racconta un doppio tradimento, una storia forte, ma resa più leggera dal linguaggio che lei usa e dalla rapidità con cui si svolgono gli eventi.
Ho scelto di leggere il libro per il titolo, mi dava l’idea di qualcosa che trasportasse in un’altra epoca, in un’altra dimensione. Il vento caldo, metaforicamente, si sa, deve cancellare qualcosa, portare via qualcosa: ma cosa? - mi sono chiesta. L’ho letto e non sono stata delusa.
Consiglia e Antonio sono marito e moglie, lei di origini nobili, lui ricco commerciante. Consiglia scopre che il marito la tradisce con una domestica e che questa volta ci scappa addirittura un figlio. Che fare?

La coppia non ha avuto figli e Consiglia ha sempre saputo che il marito la tradiva. 

Ma questa volta non è più disposta ad accettare tutto in silenzio. Il figlio che sta per nascere è un’umiliazione troppo grossa. Quindi fa allontanare la domestica, le molla anche un bel ceffone – non può sapere che la donna non ha fatto niente per attirare l’uomo, è anch’essa una vittima del sistema – ma le passa una rendita mensile per occuparsi comunque del piccolo.
Dopo questo tradimento, Consiglia allontana dalla sua vita il marito nell’intimità della casa, lo frequenta e si mostra come una moglie solo fuori dalle mura domestiche, per salvare le apparenze. Ma l’amore è distrutto.
La domestica, Annita, vedova, povera e con altri figli a carico, non riesce in alcun modo ad affezionarsi al piccolo che non aveva cercato né voluto.
Accetta i soldi della contessa, ma trova il modo di allontanare il bambino, continuando a prendere i soldi di Consiglia.
Pian piano scopriamo chi è davvero Consiglia e capiamo perché ha agito in quel modo, perché questo figlio la umilia e la rattrista così tanto. E assistiamo alla trasformazione del marito che non vuole darsi per vinto e vuole riconquistare la moglie.
Rimaniamo così in attesa del seguito, del finale, perché potremmo aspettarci di tutto. Nutriamo però la speranza che questa volta ci sia il margine per una seconda possibilità: dopo squallide storie di dolore, tradimenti, pregiudizi, stupri, abbandoni, sarà anche il vento caldo di scirocco che aiuta a spazzare via brutti ricordi, cattive decisioni, e permette un finale inaspettato?
Ecco, dunque: è proprio questo bambino, il figlio della colpa, il filo conduttore del libro. Non voglio svelare il destino del piccolo, ma dopo una vita tra umiliazioni, tradimenti e ipocrisie degli adulti che gli stanno intorno ad occuparsi di cose da fimmine e da masculi, deve uscire qualcosa di speciale.
Narrato con una scrittura scorrevole, pulita e punte di ironia e battute simpatiche, Maria Lucia Ferlisi ci indirizza piacevolmente verso una commedia piuttosto che una tragedia, senza attardarsi su facili moralismi.

Su un'isola deserta

Carissimi amici ed amiche del web

arriva il vostro fidanzato/a/ marito/moglie e vi chiede di andare con lui su una bellissima isola deserta, niente televisioni, niente cellulari che si interpongano tra voi, il mare e il silenzio delle onde.
Però i vostri compagni di vita conoscono il vostro punto debole,  sanno che senza libri sareste pronte a rinunciare a questo bellissimo viaggio, quindi vi propongono di portare con voi i 10 libri che più vi piacciono, quelli che hanno segnato la vostra vita con la loro lettura. 

Quali titoli scegliereste?
Questa è la mia classifica

1) Anna Karenina di Lev Tolstoy,  quante lacrime ho versato sul finale di questa storia magica

2) I promessi sposi di Alessandro Manzoni, quanto meno lo leggerei senza l'ansia delle interrogazioni

3)Il diario di Anna Frank, quale pagine possono essere migliori del suo diario per descrivere la banalità delle guerre?

4) Madame Bovary di Gustave Flaubert, un libro che ho amato dopo aver letto "Cercando Emma" un saggio di D. Maraini sul testo e la figura di Emma

5) Paura di volare di Erica Jong, non posso non metterlo, è uno dei libri che più ho amato delle mie letture femministe


6) Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez, per la verità porterei tutti i suoi libri...

7) La bella estate di Cesare Pavese,  amo la sua scrittura melanconica

8) Piccole donne di Louisa Alcott, ha segnato la mia adoloscenza devo pur portarlo con me no?

9 )La lunga vita di Marianna Ucria di Dacia Maraini, adoro questa lettrice, non potrei non metterla in valigia.

10) Gli indifferenti di Alberto Moravia, un libro ancora attuale, un libro sulla decadenza della borghesia.

Bene, adesso tocca a voi compilare la vostra lista di libri!
Dimenticavo, ho inserito in valigia anche un quadernone ed una penna, ed un altro libro,( la quadrilogia di Elena Ferrante), 10 mi sembravano un po' pochi....

Una saluto da Maria Lucia 

PS ho dimenticato Virgina Woolf metto anche un suo libro: Una Stanza tutta per sè.
La lettrice di cartadiMaria LuciaDesign byIole