Un pò di me



Maria Lucia Ferlisi sono nata in un giorno d'estate a Marsala in Sicilia.  Vivo a Mantova dal 1973. Lavoro presso il comune di Mantova, sposata, ho una figlia di 24 anni. Vivo a Grazie di Curtatone paese che, durante l'estate, si dipinge dei colori dei gessetti dei Madonnari provenienti da tutto il mondo. Sono laureata in Scienze della Comunicazione è sono un'attenta osservatrice, amo guardare le persone, immaginare quali sono le loro vite, quali sentimenti provano o quali segreti nascondono dietro ai gesti quotidiani. Nutro diversi interessi, tra cui la pittura, l'uncinetto creativo e il giardinaggio. Pongo particolare attenzione alle problematiche dell'universo femminile e delle culture dei popoli. Per diversi anni ho svolto volontariato in un centro antiviolenza.Da alcuni anni scrivo racconti brevi e fiabe, ricevendo diversi riconoscimenti. 

Ho aperto un blog dove amo recensire libri che leggo di esordienti e  di autori conosciuti .

Ho scritto il mio primo libro: Un leggero caldo vento di scirocco casa editrice Leucotea.

Collaboro con il blog CULTURA AL FEMMINILE nella sezione dedicata ai classici della letteratura. 

Giurata per il concorso Carne e Spirito: le donne di oggi si raccontanto, 2016. 

Giurata per il Magazine on line di Elle: libro dell'anno 2016.

*********************************************************************************


 
     
   
 Nell’ottobre 2008 ha vinto il premio speciale “I viaggi dell’anima” al concorso letterario indetto dall’associazione internazionale Les Cultures di Lecco., con il racconto "Pellegrinaggio a Medjugorje"
               

Nel marzo 2009 è’ arrivata quarta alla terza edizione del concorso “Antichi sapori mediterranei” indetto dal ristorante Bartolo e Mica di Novate Milanese. con il racconto "Le mie estati in Sicilia".

Nel novembre 2009 ha ricevuto il diploma d’onore al 16 concorso internazionale “Amico Rom” indetto dall’associazione “Amico Rom” di Lanciano, con il racconto "Una rosa tra i capelli".

Nel marzo 2010 un suo racconto "la camicetta di seta beige" è stato selezionato al concorso “Parole di carta” dell’associazione Estro-verso di Roma, per l’inserimento dell’antologia “Il vino e la sua magia”.

Aprile 2010 menzione d'onore alla nona edizione del concorso Arcobaleno della vita con il racconto"I segreti di zia Pina".

Il 12 settembre 2010 è stata premiata per la quarta posizione alla terza edizione del concorso “Federica Barbiero” indetto dalla Polizia Locale di Savona con il racconto "Omicidio in Procura".

Maggio 2011 primo posto alla decima edizione del concorso letterario Codex Purpureus, categoria Adulti La mia Italia 150 con il racconto"Unità".

Il 29 ottobre 2011 3° posto al XXVIII concorso Internazionale Amico Rom con il racconto "Bagliori e scintille di fuoco"

Il 26 dicembre 2011 secondo posto al alla XXI ed. concorso nazionale “Anna Savoia” a S. Giovanni in Croce (CR)., con il racconto "bip-bip".

Il 17 dicembre 2017 Menzione d'onore al XXVI concorso nazionale  " Anna Savoia"  a San Giovanni in Croce.Febbraio 2017.

Il romanzo Un leggero caldo vento di scirocco è finalista al concorso Premio Nazionale Sirmione Lugana 2016. VII edizione.
@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@


Un pò di me in rime

Di cognome son Ferlisi di nome Maria LuciaLa ragazza più simpatica che ci siaBeh, non esageriamo, forse solo un pòMa vi ricordo che sono nata al di là del Po.Ebbene si, sono Siciliana e amo il sole, il vento caldo ed il mareSi, è vero, ma senza esagerare.Adesso sono qui e quando della terra mia ho nostalgia, chiudo gli occhi e volo con la fantasia. Sento il profumo delle arance che si sparge dalle case con le ringhiere.Sogno il mare con le sirene e  il sole caldo che accarezza le verbene. 
E solo allora io sto davvero bene!

   @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@


Ciao a tutti io son Ferlisi di cognome, di nome Maria Lucia, vivo sempre nella nostalgia della terra mia. Allora chiudo gli occhi e m’immergo nella fantasia  e raggiungo la Sicilia mia. Vedo Ulisse che nella trinacria solcò il mare incantato dalle sirene ma arriva Penelope che lo sostiene. C’è anche Polifemo che sgrida la maga Circe  perché in testa ha tante bisce . Nel salotto del Gattopardo converso con Garibaldi mentre con Anita sorseggia una granita. Poi vado più in là e guardo ammirata Pirandello che chiacchiera con mio fratello. A piedi del vulcano Etna  Trovo Montalbano che mi aspetta. Adesso sto attenta perché Orlando furioso grida, urla e sospetta che Angelica lo sottometta. Saba, Sciascia e Verga sono tutti a casa mia a mangiare la cassata preparata da Lucia. Ma poi ritorno nella realtà e cerco Maria Vittoria che è mia cognata Per preparare una frittata ma anche un'insalata da mangiare in compagnia di Nora e di tutta l’allegra compagnia che scrivono poesie e racconti come  Maria Lucia                              







La lettrice di cartadiMaria LuciaDesign byIole