Visualizzazione post con etichetta Autori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Autori. Mostra tutti i post

venerdì 21 ottobre 2016

il piccolo scrivano fiorentino


Ecco per voi uno dei racconti mensili tratto dal libro Cuore


IL PICCOLO SCRIVANO FIORENTINO.
(Racconto mensile)



Faceva la quarta elementare. Era un grazioso fiorentino di dodici anni, nero di capelli e bianco di viso, figliuolo maggiore d’un impiegato delle strade ferrate, il quale, avendo molta famiglia e poco stipendio, viveva nelle strettezze. Suo padre lo amava ed era assai, ed era buono e indulgente con lui: indulgente in tutto fuorchè in quello che toccava la scuola: in questo pretendeva molto e si mostrava severo perchè il figliuolo doveva mettersi in grado di ottener presto un impiego per aiutar la famiglia; e per valer presto qualche cosa [p. 66 modifica]gli bisognava faticar molto in poco tempo. E benchè il ragazzo studiasse, il padre lo esortava sempre a studiare. Era già avanzato negli anni, il padre, e il troppo lavoro l’aveva anche invecchiato prima del tempo. Non di meno, per provvedere ai bisogni della famiglia, oltre al molto lavoro che gl’imponeva il suo impiego, pigliava ancora qua e là dei lavori straordinari di copista, e passava una buona parte della notte a tavolino. Da ultimo aveva preso da una Casa editrice, che pubblicava giornali e libri a dispense, l’incarico di scriver sulle fasce il nome e l’indirizzo degli abbonati, e guadagnava tre lire per ogni cinquecento di quelle strisciole di carta, scritte in caratteri grandi e regolari. 
Ma questo lavoro lo stancava, ed egli se ne lagnava spesso con la famiglia, a desinare. — I miei occhi se ne vanno, — diceva, — questo lavoro di notte mi finisce. — Il figliuolo gli disse un giorno: — Babbo, fammi lavorare in vece tua; tu sai che scrivo come te, tale e quale. — Ma il padre gli rispose: — No figliuolo; tu devi studiare; la tua scuola è una cosa molto più importante delle mie fasce; avrei rimorsi di rubarti un’ora; ti ringrazio, ma non voglio, e non parlarmene più.
Il figliuolo sapeva che con suo padre, in quelle cose, era inutile insistere, e non insistette. Ma ecco che cosa fece. Egli sapeva che a mezzanotte in punto suo padre smetteva di scrivere, e usciva [p. 67 modifica]dal suo stanzino da lavoro per andare nella camera da letto. Qualche volta l’aveva sentito: scoccati i dodici colpi al pendolo, aveva sentito immediatamente il rumore della seggiola smossa e il passo lento di suo padre. Una notte aspettò ch’egli fosse a letto, si vestì piano piano, andò a tentoni nello stanzino, riaccese il lume a petrolio, sedette alla scrivania, dov’era un mucchio di fasce bianche e l’elenco degli indirizzi, e cominciò a scrivere, rifacendo appuntino la scrittura di suo padre. E scriveva di buona voglia, contento, con un po’ di paura, e le fasce s’ammontavano, e tratto tratto egli smetteva la penna per fregarsi le mani, e poi ricominciava con più alacrità, tendendo l’orecchio, e sorrideva. Centosessanta ne scrisse: una lira! Allora si fermò, rimise la penna dove l’aveva presa, spense il lume, e tornò a letto, in punta di piedi.
Quel giorno, a mezzodì, il padre sedette a tavola di buon umore. Non s’era accorto di nulla. Faceva quel lavoro meccanicamente, misurandolo a ore e pensando ad altro, e non contava le fasce scritte che il giorno dopo. Sedette a tavola di buonumore, e battendo una mano sulla spalla al figliuolo: — Eh, Giulio, — disse, — è ancora un buon lavoratore tuo padre, che tu credessi! In due ore ho fatto un buon terzo di lavoro più del solito, ieri sera. La mano è ancora lesta, e gli occhi fanno ancora il loro dovere. — E Giulio, [p. 68 modifica]contento, muto, diceva tra sè: “Povero babbo, oltre al guadagno, io gli dò ancora questa soddisfazione, di credersi ringiovanito. Ebbene, coraggio„.
Incoraggiato dalla buona riuscita, la notte appresso, battute le dodici, su un’altra volta, e al lavoro. E così fece per varie notti. E suo padre non s’accorgeva di nulla. Solo una volta, a cena, uscì in quest’esclamazione: — È strano, quanto petrolio va in questa casa da un po’ di tempo! — Giulio ebbe una scossa; ma il discorso si fermò lì. E il lavoro notturno andò innanzi.
Senonchè, a rompersi così il sonno ogni notte, Giulio non riposava abbastanza, la mattina si levava stanco, e la sera, facendo il lavoro di scuola, stentava a tener gli occhi aperti. Una sera, — per la prima volta in vita sua, — s’addormentò sul quaderno. — Animo! animo! — gli gridò suo padre, battendo le mani, — al lavoro! — Egli si riscosse e si rimise al lavoro. Ma la sera dopo, e i giorni seguenti, fu la cosa medesima, e peggio: sonnecchiava sui libri, si levava più tardi del solito, studiava la lezione alla stracca, pareva svogliato dello studio. Suo padre cominciò a osservarlo, poi a impensierirsi, e in fine a fargli dei rimproveri. Non glie ne aveva mai dovuto fare! — Giulio, — gli disse una mattina, — tu mi ciurli nel manico, tu non sei più quel d’una volta. Non mi va questo. Bada, tutte le speranze della [p. 69 modifica]famiglia riposano su di te. Io son malcontento, capisci! — A questo rimprovero, il primo veramente severo ch’ei ricevesse, il ragazzo si turbò. E “sì, — disse tra sè, — è vero; così non si può continuare; bisogna che l’inganno finisca.„ Ma la sera di quello stesso giorno, a desinare, suo padre uscì a dire con molta allegrezza: — Sapete che in questo mese ho guadagnato trentadue lire di più che nel mese scorso, a far fasce! — e dicendo questo, tirò di sotto alla tavola un cartoccio di dolci, che aveva comprati per festeggiare coi suoi figliuoli il guadagno straordinario, e che tutti accolsero battendo le mani. E allora Giulio riprese animo, e disse in cuor suo: “No, povero babbo, io non cesserò d’ingannarti; io farò degli sforzi più grandi per studiar lungo il giorno; ma continuerò a lavorare di notte per te e per tutti gli altri.„ E il padre soggiunse: — Trentadue lire di più! Son contento... Ma è quello là, — e indicò Giulio, — che mi dà dei dispiaceri. — E Giulio ricevè il rimprovero in silenzio, ricacciando dentro due lagrime che volevano uscire; ma sentendo ad un tempo nel cuore una grande dolcezza.
E seguitò a lavorare di forza. Ma la fatica accumulandosi alla fatica, gli riusciva sempre più difficile di resistervi. La cosa durava da due mesi. Il padre continuava a rimbrottare il figliuolo e a guardarlo con occhio sempre più corrucciato. Un [p. 70 modifica]giorno andò a chiedere informazioni al maestro, e il maestro gli chiese: - Sì, fa, fa, perché ha intelligenza. Ma non ha più la voglia di prima. Sonnecchia, sbadiglia, è distratto. Fa delle composizioni corte, buttate giù in fretta, in cattivo carattere. Oh! potrebbe far molto, ma molto di più. - Quella sera il padre prese il ragazzo in disparte e gli disse parole più gravi di quante ei ne avesse mai intese. - Giulio, tu vedi ch’io lavoro, ch’io mi logoro la vita per la famiglia. Tu non mi assecondi. Tu non hai cuore per me, nè per i tuoi fratelli, nè per tua madre! - Ah no! non lo dire, babbo! - gridò il figliuolo scoppiando in pianto, e aprì la bocca per confessare ogni cosa. Ma suo padre l’interruppe, dicendo: - Tu conosci le condizioni della famiglia; sai se c’è bisogno di buon volere e di sacrifici da parte di tutti. Io stesso, vedi, dovrei raddoppiare il mio lavoro. Io contavo questo mese sopra una gratificazione di cento lire alle strade ferrate, e ho saputo stamani che non avrò nulla! - A quella notizia, Giulio ricacciò dentro subito la confessione che gli stava per fuggire dall’anima, e ripeté risolutamente a sé stesso: - No, babbo, io non ti dirò nulla; io custodirò il segreto per poter lavorare per te; del dolore di cui ti son cagione, ti compenso altrimenti; per la scuola studierò sempre abbastanza da esser promosso; quello che importa è di aiutarti a guadagnar la vita, e di alleggerirti la fatica che t’uccide. - [p. 71 modifica]E tirò avanti, e furono altri due mesi di lavoro di notte e di spossatezza di giorno, di sforzi disperati del figliuolo e di rimproveri amari del padre. Ma il peggio era che questi s’andava via via raffreddando col ragazzo, non gli parlava più che di rado, come se fosse un figliuolo intristito, da cui non restasse più nulla a sperare, e sfuggiva quasi d’incontrare il suo sguardo. E Giulio se n’avvedeva, e ne soffriva, e quando suo padre voltava le spalle, gli mandava un bacio furtivamente, sporgendo il viso, con un sentimento di tenerezza pietosa e triste; e tra per il dolore e per la fatica, dimagrava e scoloriva, e sempre più era costretto a trasandare i suoi studi. E capiva bene che avrebbe dovuto finirla un giorno, e ogni sera si diceva: — Questa notte non mi leverò più; — ma allo scoccare delle dodici, nel momento in cui avrebbe dovuto riaffermare vigorosamente il suo proposito, provava un rimorso, gli pareva, rimanendo a letto, di mancare a un dovere, di rubare una lira a suo padre e alla sua famiglia. E si levava, pensando che una qualche notte suo padre si sarebbe svegliato e l’avrebbe sorpreso, o che pure si sarebbe accorto dell’inganno per caso, contando le fasce due volte; e allora tutto sarebbe finito naturalmente, senza un atto della sua volontà, ch’egli non si sentiva il coraggio di compiere. E così continuava.
Ma una sera, a desinare, il padre pronunciò [p. 72 modifica]una parola che fu decisiva per lui. Sua madre lo guardò, e parendole di vederlo più malandato e più smorto del solito, gli disse: - Giulio, tu sei malato. - E poi, voltandosi al padre, ansiosamente: - Giulio è malato. Guarda com’è pallido! Giulio mio, cosa ti senti? - Il padre gli diede uno sguardo di sfuggita, e disse: - È la cattiva coscienza che fa la cattiva salute. Egli non era così quando era uno scolaro studioso e un figliuolo di cuore. - Ma egli sta male! - esclamò la mamma. - Non me ne importa più! - rispose il padre.
Quella parola fu una coltellata al cuore per il povero ragazzo. Ah! non glie ne importava più. Suo padre che tremava, una volta, solamente a sentirlo tossire! Non l’amava più dunque, non c’era più dubbio ora, egli era morto nel cuore di suo padre... Ah! no, padre mio, - disse tra sé il ragazzo, col cuore stretto dall’angoscia, - ora è finita davvero, io senza il tuo affetto non posso vivere, lo rivoglio intero, ti dirò tutto, non t’ingannerò più, studierò come prima; nasca quel che nasca, purché tu torni a volermi bene, povero padre mio! Oh questa volta son ben sicuro della mia risoluzione!
Ciò non di meno, quella notte si levò ancora, per forza d’abitudine, più che per altro; e quando fu levato, volle andare a salutare, a riveder per qualche minuto, nella quiete della notte, per l’ultima volta, quello stanzino dove aveva tanto la- [p. 73 modifica]vorato segretamente, col cuore pieno di soddisfazione e di tenerezza. E quando si ritrovò al tavolino, col lume acceso, e vide quelle fasce bianche, su cui non avrebbe scritto mai più quei nomi di città e di persone che oramai sapeva a memoria, fu preso da una grande tristezza, e con un atto impetuoso ripigliò la penna, per ricominciare il lavoro consueto. Ma nello stender la mano urtò un libro, e il libro cadde. Il sangue gli diede un tuffo. Se suo padre si svegliava! Certo non l’avrebbe sorpreso a commettere una cattiva azione, egli stesso aveva ben deciso di dirgli tutto; eppure... il sentir quel passo avvicinarsi, nell’oscurità; - l’esser sorpreso a quell’ora, in quel silenzio; - sua madre che si sarebbe svegliata e spaventata, - e il pensar per la prima volta che suo padre avrebbe forse provato un’umiliazione in faccia sua, scoprendo ogni cosa... tutto questo lo atterriva, quasi. Egli tese l’orecchio, col respiro sospeso... Non sentì rumore. Origliò alla serratura dell’uscio che aveva alle spalle: nulla. Tutta la casa dormiva. Suo padre non aveva inteso. Si tranquillò. E ricominciò a scrivere. E le fasce s’ammontavano sulle fasce. Egli sentì il passo cadenzato delle guardie civiche giù nella strada deserta; poi un rumore di carrozza che cessò tutt’a un tratto; poi, dopo un pezzo, lo strepito d’una fila di carri che passavano 
lentamente; poi un silenzio profondo, rotto a quando a quando [p. 74 modifica]dal latrato lontano d’un cane. E scriveva, scriveva. E intanto suo padre era dietro di lui: egli s’era levato udendo cadere il libro, ed era rimasto aspettando il buon punto; lo strepito dei carri aveva coperto il fruscio dei suoi passi e il cigolio leggiero delle imposte dell’uscio; ed era là, - con la sua testa bianca sopra la testina nera di Giulio, - e aveva visto correr la penna sulle fasce, - e in un momento aveva tutto indovinato, tutto ricordato, tutto compreso, e un pentimento disperato, una tenerezza immensa, gli aveva invaso l’anima, e lo teneva inchiodato, soffocato là, dietro al suo bimbo. All’improvviso, Giulio diè un grido acuto, - due braccia convulse gli avevan serrata la testa. - O babbo! babbo, perdonami! perdonami! - gridò, riconoscendo suo padre al pianto. - Tu, perdonami! - rispose il padre, singhiozzando e coprendogli la fronte di baci, - ho capito tutto, so tutto, son io, son io che ti domando perdono, santa creatura mia, vieni, vieni con me! - E lo sospinse, o piuttosto se lo portò al letto di sua madre, svegliata, e glielo gettò tra le braccia e le disse: - Bacia quest’angiolo di figliuolo che da tre mesi non dorme e lavora per me, e io gli contristo il cuore, a lui che ci guadagna il pane! - La madre se lo strinse e se lo tenne sul petto, senza poter raccoglier la voce; poi disse: - A dormire, subito, bambino mio, va’ a dormire, a riposare! [p. 75 modifica]Portalo a letto! — Il padre lo pigliò fra le braccia, lo portò nella sua camera, lo mise a letto, sempre ansando e carezzandolo, e gli accomodò i cuscini e le coperte. — Grazie, babbo, — andava ripetendo il figliuolo, — grazie; ma va a letto tu ora; io sono contento; va a letto, babbo. — Ma suo padre voleva vederlo addormentato, sedette accanto al letto, gli prese la mano e gli disse: — Dormi, dormi figliuol mio! — E Giulio, spossato, s’addormentò finalmente, e dormì molte ore, godendo per la prima volta, dopo vari mesi, d’un sonno tranquillo, rallegrato da sogni ridenti; e quando aprì gli occhi, che splendeva già il sole da un pezzo, sentì prima, e poi si vide accosto al petto, appoggiata sulla sponda del letticciolo, la testa bianca del padre, che aveva passata la notte così, e dormiva ancora, con la fronte contro il suo cuore.

https://it.wikisource.org/wiki/Cuore_(1889)/Dicembre/Il_piccolo_scrivano_fiorentino

Edmondo De Amicis



Il 21 ottobre del 1846 nasceva Edmondo De Amicis, scrittore e giornalista, ricordato per aver scritto il famosissimo Libro per ragazzi CUORE.
Un libro che chi ha la mia età ricorderà quante lacrime abbiamo versato verso le  storie "mensili" strappalacrime, pubblicate all'interno della storia di alcuni compagni di classe di una scuola torinese.

Chi non ha amato: La piccola vedetta Lombarda, Sangue Romagnolo,Il tamburino sardo, il piccolo scrivano fiorentino...


Un libro che è stato molto bistrattato,  in quanto ritenuto troppo lacrimevole, troppo risorgimentale, troppo ideologico. 
Tuttavia questo libro, il cui pregio di essere scritto come un diario scolastico, ha avuto un valore importantissimo che pochi gli riconoscono, il libro è stato scritto con l'intento di unire questa Italia attraverso i racconti, l'intento non era solo di natura pedagogica, ma soprattutto sociale.
Quest'Italia appena unificata, ancora non si conosceva tra le varie regioni, si parlavano dialetti diversi, le scuole erano ancora deserte, l'analfabetismo dilagava e l'italiano, come lingua  ufficiale, era ancora poco conosciuta. 
Il romanzo ha unificato il paese in modo molto  forte, e le storie portavano a conoscenza un altra parte di noi, quelle regioni di cui non si conoscevano usi e costumi.
La vita di De Amicis fu travagliata, scossa dai continui litigi con la moglie, un figlio suicida, e rapporti difficili anche con l'altro, avvocato, che amava la solitudine.
Mori a Bordighera nel 1908 per emorragia cerebrale. Alla morte dell'unico figlio erede,  e della moglie di lui, l'ingente patrimonio del De Amicis, che doveva essere destinato al comune di Torino città in cui visse, ed ai poveri, sparì misteriosamente.


http://www.raistoria.rai.it/articoli/edmondo-de-amicis-il-libro-cuore/25297/default.aspx

lunedì 5 settembre 2016

Goffredo Mameli

Il 5 settembre del 1827 nasceva a Genova  il poeta e patriota Goffredo Mameli, a lui si vede il nostro Inno d'Italia. L'influenza della madre molto colta e con attenzioni verso la Repubblica, grazie anche all'amicizia con Mazzini, fu da subito evidente nel giovane Mameli. Compì studi universitari sempre nella sua città natia, ma la passione politica lo affascinò e vi dedico la sua brevissima vita. Compose versi dedicati a Roma e a Mazzini, l'inno Militare. Scrisse anche ballate ed una tragedia, e molti versi che furono conosciuti dopo la sua morte, grazie al poeta Carducci. Ma le sue opere venivano interrotte sempre dai grandi ideali che pervadevano al sua anima, era un sostenitore accanito della Repubblica, ed avversario della monarchia.
Fu amico di Nino Bixio, Giuseppe Mazzini e Giuseppe Garibaldi. I suoi versi, diventarono  volti a decancatare l'Italia e l'impegno civile che ne deriva, una sorta di poesia civile, in cui cercava di dare una nota poetica alle gesta di Mazzini, il suo eroe.Il 9 novembre del 1847 pubblicò il suo inno che fu tradotto in musica dal maestro di musica Novaro."Messo in musica dal maestro M. Novaro che corresse l'incipit, dandogli la forma definitiva, accompagnò per un biennio le gesta dei volontari instillando nel sentire comune, insieme con l'odio per l'Austria, l'orgoglio di un passato che si fregiava delle glorie romane e di quelle dell'Italia dei comuni."Goffredo Mameli partecipò in prima linea nei vari moti risorgimentali,  fu nominato da Garibaldi aiutante in campo, partecipando attivamente alle varie iniziative di Garibaldi, fra cui l'assedio dei francesi a Roma, e durante la difesa, il 3 giugno fu ferito ad una gamba, furono costretti ad amputargliela a causa di un'
infezione, ma purtroppo non riusci a superarla ed il 6 luglio 1849 morì, alla giovanissima età di  22 anni.

Eccovi il testo dell' Inno d'Italia

Fratelli d’Italia
l’Italia s’e’ desta
dell’elmo di Scipio
s’e’ cinta la testa
Dov’e’ la vittoria?
Le porga la chioma
che schiava di Roma
Iddio la creo’
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo’
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo’, si!
Noi fummo da secoli
calpestati, derisi
perche’ non siam popoli
perche’ siam divisi
Raccolgaci un’unica
bandiera, una speme
di fonderci insieme
gia’ l’ora suono’.
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo, si’!
Uniamoci, uniamoci
l’unione e l’amore
rivelano ai popoli
le vie del Signore.
Giuriamo far libero
il suolo natio:
uniti, per Dio
chi vincer ci puo’?
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo, si!
Dall’Alpe a Sicilia,
dovunque e’ Legnano;
ogn’uomo di Ferruccio
ha il core e la mano;
i bimbi d’Italia
si chiaman Balilla
il suon di ogni squilla
i Vespri suono’.
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo, si’!
Son giunchi che piegano
le spade vendute
gia’ l’Aquila d’Austria
le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia
e il sangue Polacco
beve’ col Cosacco
ma il cor le brucio’.
Stringiamoci a coorte
siam pronti alla morte
siam pronti alla morte
l’Italia chiamo’, si!


(http://www.treccani.it/enciclopedia/goffredo-mameli_(Dizionario-Biografico))

sabato 20 agosto 2016

Garcia Lorca

Garcia Lorca
nato il/6/1898 ed è morto assassinato con la fucilazione il 19/8/1936 a Vizinar in Spagna, il suo corpo non è mai stato ritrovato.
Poeta e drammaturgo andaluso, si può considerare uno dei poeti massimi che la Spagna abbia avuto e che il mondo intero ha amato, non a caso qualcuno ha scritto che il suo omicidio è stato "un crimine contro l'umanità", un crimine commesso durante la dittatura franchista e per la sola colpa di scrivere versi e di essere omosessuale..
Durante la vita universitaria conobbe personaggi illustri con i quali cominciò una collaborazione culturale per cercare dare vita e voce alla cultura spagnola emergente, conobbe Dalì, Neruda, Bunuel, Alberti. I suoi progetti finirono presto, durante il colpo di stato ad opera dei militari franchisti, fu catturato e fucilato.
Ma il potere franchista non ha certo fermato il potere più forte che si ritrova nelle sue poesie, che hanno varcato il confine della Spagna e reso immortale i versi di Garcia Lorca.

Le sue poesie sono intrise di una velata melanconia, i suoi versi sono simili al suono della chitarra, strumento tanto amato dal poeta, tanto da dedicargli una poesia.
La vera forza delle parole di Lorca è incisa in quella forza quasi sovrannaturale che viene definita El Duende, una forza che è quasi un connubio con le varie forze della natura e che la terra magicamente trasforma in versi o in musica, ed in questa forza vi sono racchiuse le storie del passato, i nostri avi, i nostri colori e sapori. I suoi versi contengono il passato della cultura spagnola ed è in questo che trova forza e vigore nella cultura araba e zingara che ne sono le vere radici e scorrono nel sangue dei poeti o intellettuali spagnoli come una linfa vitale che li rende immortale, come la cultura che
tramandando vestendola di nuove parole.
Nei versi di Lorca v'è è tutta l'Andalusia, vi è tutta la magia dei zigani, vi è il flamenco, vi sono i balli attorno al fuoco, vi sono le corride... ed è per questo che suona melodiosa, melanconica e forte. La forza del duende è questa, le radici che emergono prorompenti e capaci di soggiogare colui che le ascolta e trascinarlo in questo luogo atavico fatto di magia colori e suoni, e come in un vortice lo rapisce e lo rende amante, come in un amplesso, dei versi andalusi.

Le sue raccolte più famose sono: PRIMER ROMANCERO GITANO - POETA A NEW YORK - LAMENT FOR IGNACIO SANCHEZ - POEMA DEL CANTE JONDO, e altri.
Scrisse anche delle opere teatrali tra cui ricordiamo: NOZZE DI SANGUE - LA CASA DI BERNARDA ALBA - YERMA - DONNA ROSITA e altri








Ecco alcune sue poesie





LA CHITARRA

Incomincia il pianto
della chitarra.
Si rompono le coppe
dell'alba.
Incomincia il pianto
della chitarra.
È inutile
farla tacere.
È impossibile
farla tacere.
Piange monotona
come piange l'acqua,
come piange il vento
sulla neve.
È impossibile
farla tacere.
Piange per cose
lontane.
Arena del caldo Meridione
che chiede camelie bianche.
Piange freccia senza bersaglio
la sera senza domani
e il primo uccello morto
sul ramo.
Oh, chitarra,
cuore trafitto
da cinque spade.

Da Lamento per Ignacio Sánchez Mejías
Il cozzo e la morte
Alle cinque della sera.

Eran le cinque in punto della sera.
Un bambino portò il lenzuolo bianco
alle cinque della sera.
Una sporta di calce già pronta
alle cinque della sera.
Il resto era morte e solo morte
alle cinque della sera.
Il vento portò via i cotoni
alle cinque della sera.
E l'ossido seminò cristallo e nichel
alle cinque della sera.
Già combatton la colomba e il leopardo
alle cinque della sera.
E una coscia con un corno desolato
alle cinque della sera.
Cominciarono i suoni di bordone
alle cinque della sera.
Le campane d'arsenico e il fumo
alle cinque della sera.
Negli angoli gruppi di silenzio
alle cinque della sera.
Solo il toro ha il cuore in alto!
alle cinque della sera.
Quando venne il sudore di neve
alle cinque della sera,
quando l'arena si coperse di iodio
alle cinque della sera,
la morte pose le uova nella ferita
alle cinque della sera.
Alle cinque della sera.
Alle cinque in punto della sera.
Una bara con ruote è il letto
alle cinque della sera.
Ossa e flauti suonano nelle sue orecchie
alle cinque della sera.
Il toro già mugghiava dalla fronte
alle cinque della sera.
La stanza s'iridava d'agonia
alle cinque della sera.
Da lontano già viene la cancrena
alle cinque della sera.
Tromba di giglio per i verdi inguini
alle cinque della sera.
Le ferite bruciavan come soli
alle cinque della sera.
E la folla rompeva le finestre
alle cinque della sera.
Alle cinque della sera.
Ah, che terribili cinque della sera!
Eran le cinque a tutti gli orologi!
Eran le cinque in ombra della sera!



Notturno

Ho tanta paura
delle foglie morte,
paura dei prati
gonfi di rugiada.
Vado a dormire;
se non mi sveglierai
lascerò al tuo fianco
il mio freddo cuore.
Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amor mio!
Ti cinsi collane
con gemme d’aurora.
Perché mi abbandoni
su questo cammino?
Se vai tanto lontana
il mio uccello piange
e la vigna verde
non darà vino.
Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amor mio!
Non saprai mai
o mia sfinge di neve,
quanto
t’avrei amata
quei mattini
quando a lungo piove
e sul ramo secco
si disfa il nido.
Che cosa suona
così lontano?

Amore. Il vento sulle vetrate,
amor mio!
Non saprai mai
o mia sfinge di neve,
quanto
t’avrei amata
quei mattini
quando a lungo piove
e sul ramo secco
si disfa il nido.
Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amore mio!

martedì 28 giugno 2016

Honore' de Balzac

Buongiorno donne e uomini del web



 oltre a gestire il mio blog, collaboro anche con il blog "Cultura al femminile",  dove un piccolo gruppo di quattro donne ha deciso di approfondire autori e autrici che hanno reso grande la letteratura. Abbiamo iniziato con Honore' de Balzac, e sono già stati pubblicati tre articoli, questo è il libro che ho analizzato, per visionare gli altri vi posto il blog: 

https://letteraturalfemminile.wordpress.com/2016/06/27/le-donne-della-comedie-humaine-di-balzac-3/

Buona lettura amici




La cugina Bette
di
Honore' de Balzac


download
Il romanzo "La cugina Bette" è stato pubblicato a puntate è fa parte del ciclo dedicato dall'autore "Ai parenti poveri", inserito a sua volta nel terzo volume di "Scene della vita parigina", concepito come novella, si è trasformato, per tutti i particolari aggiunti mano a mano, in un romanzo vero e proprio. Il libro ebbe un successo notevole, grazie alla capacità di Balzac di catturare l'attenzione dei lettori con vari stratagemmi e colpi di scena.
Il romanzo fa parte di quel genere denominato Feuilletondi cui la Francia vanta i natali.
Balzac "più corto che piccolo, grasso e ripieno, la testa infossata sulle spalle, la schiena precocemente curva. Un torso sproporzionato posava sulle cosce pesanti", nonostante il fisico non attraente ebbe una vita piuttosto libertina, e i suoi personaggi spesso rispecchiano le sue esperienze di vita, "ogni suo personaggio ha in dono l'ardore vitale che animava lui stesso"
Nella cugina Bette possiamo dire che il filo conduttore è sicuramente il libertinaggio che può rendere piacere, ma anche attirare tante disgrazie come al personaggio principale il barone Hulot figura su cui girano tutti gli altri personaggi del libro.
Adeline contadine bella e attraente sposa il barone Hulot e va a vivere a Parigi, porta con sé la cugina Bette, non bella e povera, la quale dovrà mantenersi per vivere ricamando, e sarà trattata sempre come la povera parente, disprezzata con grazia, ma comoda per le confidenze.
La donna cova dentro di se un odio talmente grande che riverserà sui suoi familiari, vendicandosi con grazia e maestria, senza mai destare alcun sospetto sulle sue losche trame.
Bette si allea con una delle tante amanti di Hulot, Valerie', la loro amicizia sarà salda, complice e forte, talmente forte che quando Valeriè muore, Bette si rinchiude nella sua stanza e si lascerà morire.
download (1)
Leggendo la trama del testo possiamo capire che l'autore non ha molta stima delle donne, le divide in due tipologie: la donna virtuosa, abituate a soffrire in silenzio, e la donna avida, furba,scaltra, mascalzona, ignobile scellerata, bugiarda. Lui stesso a metà del romanzo tramite il personaggio di Hulot dirà: " Perché su dieci belle donne , ve ne sono almeno sette di perverse?". e poi ancora: La donna è un essere inesplicabile"
Nel libro le donne descritte sono Adeline, Bette, Hortense, Josepha e Valèrie, Adeline e Hortense appartengono alla prima categoria, mentre le altre si classificano nella seconda.
La penna di Balzac è ricca di sfumature, i personaggi descritti sembrano vivi nella lettura, che scorre agile, catturano il nostro interesse avvolgendoci nelle righe che si susseguono con ritmo veloce e colpi di scena, parola dopo parola, frase dopo frase.
Nella descrizione della cugina Bette si dilunga con compiacimento oserei dire quasi sadico: "la selvatica lorenese un pò infida ...dotata di un'acutezza diventata profonda, come tutte le persone votate a un reale celibato, con il tono pungente che imprimeva alle sue idee, avrebbe potuto sembrare temibile in qualsiasi altra situazione. Cattiva, avrebbe seminato la zizzania alla famiglia più unita".... " monaca sanguinaria, e poi ancora..."una testardaggine da mula, voleva piacere a se stessa , vestita sembrava una zitella dalla testa ai piedi, la rendeva tanto ridicola che con la migliore volontà, nessuno avrebbe potuto ammetterla in casa nei giorni di gala.".
Nella descrizione fisica dirà: ..zitella segalignasembrava più anziana, bruna piccante, sguardo penetrante, la carnagione olivastra, la figura di giunco,..asciutto volto olivastro..mettendo in valore la figura inflessibile..."
Più avanti in un altro capitolo dirà ancora: La fisionomia della lorenese era diventata terribile. I suoi occhi neri e penetranti avevano la fissità di quella delle tigri. Il suo viso somigliava a quello che noi presumiamo abbiano le pitonesse.
Anche le altre donne vengono descritte in modo poco lusinghiero, dimostrando tutta l'avversione dell'autore contro le donne, cosa comune in molto altri autori dell'epoca come Moliere, che lui citerà anche nel racconto nominadolo espressamente: "...la donna è la minestra dell'uomo".
Perchè leggere allora Balzac? Perchè è un autore dalla scrittura raffinata ed elegante, perché descrive la realtà della vita senza sconti, con chiarezza, con precisione quasi chirurgica, così com'è nella bellezza, ma anche nello squallore.
I suoi personaggi sono analizzati alla perfezione, quasi vivisezionati, sia quelli positivi che le cortigiane o le mascalzone.
Perché questa è la realtà, queste sono le persone e perché così è Balzac.
Balzac_Bette_ritratto.jpg
Ferlisi Maria Lucia

giovedì 28 aprile 2016

Luciana Peverelli

Qualche giorno fa vi ho parlato di Liala, ma nel mondo della letteratura sua contemporanea, era presente anche Luciana Peverelli, anche lei molto bistrattata dal mondo letterario, ed era considerata una scrittrice di serie B, anche se meno rispetto alla collega Liala.
Luciana Peverelli era una scrittrice completa, una donna poliedrica che amava tutti i risvolti della fantasia, lei non si limitata a scrivere libri di storie d'amore appassionate, ma era anche sceneggiatrice, giornalista e traduttrice. Una letterata completa.
Le due regine del romanzo rosa o feuilleton sono completamente diverse, Liala chiusa nel suo mondo dorato ed edulcorato, Luciana Peverelli vive il suo mondo ne è partecipe come lo testimonia il suo attivismo politico che la porta ad essere antifascista prima e partigiana poi. Un unica cosa accomuna le due scrittrici: l'amore per i gatti.

L'autrice ha scritto circa 400 libri d'amore, ma anche qualche poliziesco, tra i vari titoli ricordiamo:

Cuore garibaldino, Moderna,Giovanotti e signorine, L'amante del sabato inglese, Dannata e felice, Violette nei capelli, I nostri folli amori; degli ultimi due libri indicati, sono state tratte le sceneggiature per due film sempre scritti dall'autrice: Signorinette e Violette nei capelli.



    Fu l'ideatrice del primo fotoromanzo, SOGNO, storia d'amore attraverso le immagini, questo genere fu unico, prodotto soltanto in Italia andò avanti per un paio di decenni. L'idea di sostituire i disegni con le immagini è stato un successo. Chi ha la mia età si ricorderà i fotoromanzi Sogno e Lancio con veri attori diventati famosi grazie a questo tipo di lettura, cito Franco Gasparri, e come Ornella Muti che insieme alla sorella erano le regine del fotoromanzo anche se la prima abbandonò il set fotografico per quello cinematografico.
    Fu anche traduttrice del libro La luna e' tramontata di John Steinbeck .


    Luciana Peverelli si pone quindi come una scrittrice a 360 gradi, non riesco proprio a comprendere il perché sia stata così poco considerata come autrice, vista la sua poliedricità. Una donna in grado di scrivere in così tanti ambiti, merita rispetto e ammirazione.


giovedì 14 aprile 2016

Gianni Rodari

Gianni Rodari

Il 14 aprile del 1980 moriva Gianni Rodari.

"Si può parlare agli uomini anche parlando di gatti e si può parlare di cose serie e importanti anche raccontando fiabe allegre. Io credo che le fiabe quelle vecchie e quelle nuove , possano contribuire ad educare la mente. la fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo".
Questa è solo una delle tante frasi che esprimono in sintesi il pensiero di Gianni Rodari, un grande favolista e giornalista.
Rodari non ebbe un'infanzia facile, rimase orfano del padre a soli 10 anni, per cui fini faticosamente la quinta elementare, per problemi economici. Era un bambino taciturno, solitario, forse fu questa la ragione per cui decise di continuare gli studi in seminario, ma dopo tre anni li abbandono', anche se era uno studente modello; continuò gli studi cambiando indirizzo dal ginnasio si iscrisse alle magistrali.
All'inizio fu iscritto ad Azione Cattolica, che abbandonò per iscriversi al PC, di cui fu dirigente ed iniziò la carriera giornalistica all'interno dell'Unità'. Quasi per caso cominciò a scrivere fiabe, infatti all'interno del quotidiano "Unità" alla domenica vi era un inserto dedicato alla famiglie ed ai bambini, e vi scrisse i primi raccontini umoristici, poi su richiesta di una lettrice che aveva il figlio di nome Ciccio gravemente malto, gli chiese una filastrocca e da quel giorno nacque la sua passione per le filastrocche. Cominciò uno stretto rapporto con i lettori che gli chiedevano, fiabe, poesie e filastrocche e lui provvedeva ad esaudire.
Nelle sue fiabe non ritroviamo personaggi o luoghi fantastici come nelle fiabe tradizionali, i suoi personaggi sono quotidiani, perché le sue storie sono inserite in un giornale politico e quindi il bambino va trattato diversamente, bisogna narrargli la realtà vera e non edulcorata, Rodari narra del disoccupato,dei morti di Modena dell'operaio...
Nel 1970 vinse il premio Andersen, concorso che ancora oggi premia i più bravi scrittori di fiabe. Gianni Rodari era solito appena terminata una fiaba, prima di pubblicarla, andarla leggere in qualche scuola elementare di Roma, o altre, per
vedere lui stesso se piaceva.
Collaborò anche con Sergio Endrigo e scrissero insieme una fiaba: Ci vuole un fiore, che è diventata una bellissima canzone, che tutt'ora si canta nelle scuole primarie.
La sua produzione di libri è davvero vasta, vi posto le foto di qualche titolo tra i titoli  più famosi.


(notizie liberamente tratte dal libro Favole al Telefono)






















mercoledì 30 marzo 2016

Paul Verlaine

>Paul Verlaine

il 30 marzo del 1884 moriva il poeta maledetto, il poeta simbolo della decadenza del suo tempo..
Nelle sue poesie seppe racchiudere lo spleen, quel malessere melanconico presente anche in altri poeti, ma la musicalità dei suoi versi è senza pari., sicuramente, come tutte le poesie nella traduzione la perde molto, ma nelle rime francesi la potete verificare ed essere concordi. I suoi versi sono leggeri, musicali,melanconici e s'improntano con forza nell'animo di chi li legge regalando immagini delicate e fragili. Certo ha anche scritto poesie molto libertine e in cui non ebbe alcun timore a dichiarare il suo amore omosessuale, dedicando versi al primo suo grande amore Rimbaud, ma anche in quesiti versi non si sottrae alla delicatezza delle parole.








Ecco alcune delle sue poesie

Canzone d'autunno
I singhiozzi lunghi
dei violini
d'autunno
mi feriscono il cuore
con languore
monotono.
Ansimante
e smorto, quando
l'ora rintocca,
io mi ricordo
dei giorni antichi
e piango;


e me ne vado
nel vento ostile
che mi trascina
di qua e di là
come la foglia
morta.

Le conchiglie

Ogni conchiglia incrostata
nella grotta ove ci amammo
ha una sua particolarità.

L'una ha la porpora della nostra anima
rapita al sangue del nostro cuore,
quando io brucio e tu divampi;

quell'altra ostenta i tuoi languori
e i tuoi pallori quando stanca
ti adiri contro i miei sguardi beffardi:

questa ricorda la grazia
del tuo orecchio, e quella
la tua nuca corta e grassa.

Ma una, fra tutte, mi ha turbato.


Spleen
Le rose erano tutte rosse
e l’edera tutta nera.
Cara, ti muovi appena
e rinascono le mie angosce.
Il cielo era troppo azzurro
troppo tenero, e il mare
troppo verde, e l’aria
troppo dolce. Io sempre temo
– e me lo debbo aspettare!
qualche vostra fuga atroce.
Dell’agrifoglio sono stanco
dalle foglie laccate,
del lustro bosso e dei campi
sterminati, e poi
di ogni cosa, ahimè!
fuorché di voi.

 Ad Arthur Rimbaud

Mortale, angelo E démone, vale a dire Rimbaud,
tu meriti il primo posto in questo mio libro,
benché uno sciocco imbrattacarte t'abbia trattato da debosciato
imberbe e mostro in erba e studente ubriaco.

Le spirali d'incenso e gli accordi di liuto
segnalano il tuo ingresso nel tempio della memoria
e il tuo nome radioso canterà nella gloria,
perché mi hai amato come bisognava.

Le donne ti vedranno gran giovanotto forte,
bellissimo d'una bellezza contadina ed astuta,
molto desiderabile, di un'indolenza audace!

La storia ti ha scolpito trionfante sulla morte
e fino ai puri eccessi amante della vita,
poggiati i bianchi piedi sulla testa dell'Invidia!

martedì 29 marzo 2016

diario

Che tipo di diario mi piacerebbe? Un tessuto a maglie lente, tanto elastico da contenere qualsiasi cosa, solenne o lieve o bellissima, che mi venga in mente.

VIRGINIA WOOLF

Virginia Woolf

Ieri ricorreva il settantacinquesimo anniversario della morte di una grande scrittrice e femminista, le cui parole ancora oggi risultano attuali e perfette per il posto delle donne nel mondo. E' morta suicida consapevole di non poter affrontare ancora una volta gli spettri della sua mente e lasciando al marito una struggente testimonianza del suo amore.
Carissimo,
sono certa di stare impazzendo di nuovo. Sento che non possiamo affrontare un altro di quei terribili momenti. E questa volta non guarirò. Inizio a sentire voci, e non riesco a concentrarmi. Perciò sto facendo quella che sembra la cosa migliore da fare. Tu mi hai dato la maggiore felicità possibile. Sei stato in ogni modo tutto ciò che nessuno avrebbe mai potuto essere. Non penso che due persone abbiano potuto essere più felici fino a quando è arrivata questa terribile malattia. Non posso più combattere. So che ti sto rovinando la vita, che senza di me potresti andare avanti. E lo farai, lo so. Vedi, non riesco neanche a scrivere come si deve. Non riesco a leggere. Quello che voglio dirti è che devo tutta la felicità della mia vita a te. Sei stato completamente paziente con me, e incredibilmente buono. Voglio dirlo – tutti lo sanno. Se qualcuno avesse potuto salvarmi, saresti stato tu. Tutto se n’è andato da me tranne la certezza della tua bontà. Non posso continuare a rovinarti la vita. Non credo che due persone possano essere state più felici di quanto lo siamo stati noi."

lunedì 21 marzo 2016

Auguri Alda

Auguri Alda


di certo adesso non sei all'inferno, quello lo hai vissuto quando eri in vita, sei tra gli angeli con la sigaretta in bocca e appunti sulle nuvole i pensieri che accavallano la tua mente, come prima che li scrivevi sui muri della tua casa. 
Sei nata in un giorno di primavera e non poteva essere altrimenti, hai amato la vita, tutta, nella dolcezza, nell'amarezza, nel dolore, nella rabbia , nella gloria e nell'amore di chi ha saputo scavare nella tua anima, non folle, quello lo eri per chi non sapeva leggere e amare le tante donne che erano in te.


Sono nata il ventuno a primavera

 ma non sapevo che nascere folle, 

aprire le zolle potesse scatenar tempesta. 

Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe 

sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera.

 Forse è la sua preghiera.


Vi ripropongo un mio vecchio post sulla poetessa dei Navigli.


Una tortora di nome Alda Merini

Amo le poesie di Alda Merini come penso tante di voi che leggeranno questo post, ciò che trovo più interessante è la sua vita, la sua lucida follia che si tramuta in parole cariche di immagini e suoni attinti dalla sua realtà tragica e si tramutano in vibranti parole nelle sue poesie. Chi legge le sue poesie ignorando la sua vita, penserà che ella sia una poetessa soltanto, ma in lei ritroviamo quella carica che solo le donne che vivono intensamente possono trovare e tramutare in parole. Senza la follia Alda Merini avrebbe saputo trasmettere con le stessa intensità le sue parole poetiche? Chissà forse si, ma anche no, certe espressioni sarebbe state più composte, chiuse nei rigidi schemi poetici, invece le sue parole sono espressione di una mente libera, di una tortora o di una bambina la cui ingenuità permane per sempre nell'animo. Alda Merini è nata il 21 marzo del 1931, cominciò a scrivere prestissimo a 16 anni e trovò subito in Giorgio Manganelli il suo "maestro di stile". Fu apprezzata ed ebbe una splendida amicizia con Salvatore Quasimodo il quale pubblicò anche diverse sue poesie nella sua antologia "Poesie italiane nel dopogurra". Alda si sposò nel 1953 ed ebbè subito due figlie, ma iniziarono presto i suoi primi disagi mentali, alla fine nel 1965 il marito la fece internare in un manicomio dove vi rimmarrà fino al 1972 e durante questi anni partorì altre due figlie. Dopo l'esperienza devastante del manicomio, riuscirà a sopravvivere ai sorprusi, grazie alle visite del marito, ed, alla sua forte volontà ed istinto di sopravvivenza. Dal 1979 riprende la sua produzione letteraria, non quella di scrivere che l'aveva continuata anche in manicomio e i cui molti testi furono raccolti dal dottore G. che l'ebbe in cura per un certo periodo. Fra le sue tante opere ricordiamo: "Testamento", "Vuoto D'amore", "L'anima innamorata", "Terra Santa".... Voglio ricordarla con queste sue parole: "L'uomo è socialmente cattivo, un cattivo soggetto. E quando trova una tortora , qualcuno che parla troppo piano, qualcuno che piange, gli butta addosso le proprie colpe, e, così, nascono i pazzi. Perchè la pazzia amici miei, non esiste. Esiste soltanto nei riflessi onirici del sonno e, in quel terrore che abbiamo tutti, inventerato, di perdere la nostra ragione." Alda Merini ci ha lasciati il 1 novembre del 2009. L'anno precedente era stata ospite al festivaletteratura di Mantova pr un evento a lei dedicato. 
(Le notizie biografiche sono tratte dal libro: "Diario di una diversa" scritto dalla poetessa.)















A tutte le donne
Fragile, opulenta donna, 
matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l'emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d'amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra

e innalzi il tuo canto d'amore.


Accarezzami, amore,
ma come il sole
che tocca la dolce fronte della luna.
Non venirmi a molestare anche tu
con quelle sciocche ricerche
sulle tracce del divino.
Dio arriverà all'alba
se io sarò tra le tue braccia.

Superba è la notte
La cosa più superba è la notte
quando cadono gli ultimi spaventi
e l'anima si getta all'avventura.
Lui tace nel tuo grembo
come riassorbito dal sangue
che finalmente si colora di Dio
e tu preghi che taccia per sempre
per non sentirlo come rigoglio fisso
fin dentro le pareti.

La lettrice di cartadiMaria LuciaDesign byIole