Visualizzazione post con etichetta esordienti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta esordienti. Mostra tutti i post

mercoledì 17 maggio 2017

Giorgio Marconi Il precario equilibrio della vita

Carissimi amici ed amiche 
oggi vi presento la recensione del libro di Giorgio Marconi: Il precario equilibrio della vita.

Goffredo, funzionario delle poste italiane "Teneva il plico nella sacca di pelle marrone, quella con la cinghia per poter­la portare a tracolla."Con quel plico raggiunse Parigi in treno da Torino per dirigersi alla casa di riposo: 
Maison de retraite pour anciens artistes.
"L’essere artista non è una professione o un mestiere: è una condizione, una prerogativa dell’esistenza stessa. Si cessa di essere artisti solo quando si cessa di essere!" Goffredo pensava questo quando varcò quell'edificio per portare una missiva delle poste italiane a Giulio Matreschi, noto pittore, novantenne. Lettere che dovevano essere destinate molti anni prima..cinquant'anni prima, nel 1939.

 Il pittore è molto stupito, ma al tempo stesso sa già nel cuor suo chi è il mittente di quelle lettere, ne ha riconosciuto la calligrafia sulla busta "quel ricciolo ritorto sulla zampetta della effe", ed il suo cuore quasi centenario batte forte come quello di un adolescente al suo primo appuntamento.

Ma non vuole aprirle subito, non vuole mostrare le sue emozioni a quello sconosciuto e nemmeno a Yvonne, la capo infermiera che aveva fatto di quel luogo la sua famiglia e i tanti anziani ricoverati li considerava i suoi anziani genitori.
Da questo incontro, casuale e un po' forzato, nasce il bisogno di raccontarsi di Giulio e di ascoltare, anche se ha già assolto il suo dovere, di Goffredo.
Giulio "dal fondo dei pozzi dei ricordi" fa riaffiorare il suo antico amore, Clara una bellissima ragazza d"ai soffici riccioli fulvi". Ricorda ogni istante, ogni momento, basta chiudere gli occhi e riemerge il passato, con il corpo caldo di Clara, con la gioventù e la spensieratezza.

Risultati immagini per foto di amore nel 1930

Ricordi che si intrecciano, nostalgia, profumi e desideri, di vite parallele, quella di Giulio, di Goffredo e quella di Yvonne. Ricordi dolci ma anche amari. Vite che continuano e vite che si spezzano. Strade che si interrompono in questa vita che è già precaria e di fronte alla guerra ci rende ancora più fragili e impreparati alla durezza della vita.

"la memoria in­giallita dal passare degli anni" di Giulio riaffiora "alcune scene non hanno perso la nitidezza di un tempo", vero, ma forse è più forte la consapevolezza che certe storie d'amore, oggi, non possono essere vissute, hanno uno scenario diverso e non possono quindi essere nemmeno paragonate.

Intrecci di vita che genereranno nuovi amori e nuove amicizie, perché la vita è così..splendidamente precaria...ma va sempre vissuta con forza, con scelte giuste o sbagliate, non lo sappiamo quando le viviamo e forse nemmeno dopo anni, perché basta una lettera arrivata tardi a comprendere come siamo così inermi di fronte a ciò che la vita sceglie per noi.

Giorgio Marconi con questo romanzo ci trasporta con delicatezza nel mondo dei ricordi, del passato, di ciò che è stato ed adesso non c'è più. Un passato che ritorna, ma viene rivisto come attraverso una lente appannata, non fa più male.
Le parole sembrano accarezzare il passato perché la vita sa sempre regalare nuovi equilibri.



Sinossi
Il romanzo prende le mosse dalla consegna di una lettera spedita nel 1939 e che, per un disguido, ha giaciuto sotto un polveroso scaffale per più di sessant'anni. Il destinatario è Giulio Matreschi, 98enne pittore, ospite di un casa di riposo per ex-artisti sita alle pendici della collinetta di Montmartre a Parigi, sovvenzionata da anni dalla famiglia di un mecenate italiano. A consegnare la particolare missiva è Goffredo, distinto funzionario delle Poste, partito con scarso entusiasmo da Torino. Ad accogliere Goffredo e introdurlo a Giulio è Yvonne (Ivy), corpulenta, ma a suo modo fragile, infermiera che coordina il personale di assistenza ai degenti della casa di riposo. Da qui, attraverso dialoghi, racconti, ricordi, si dipana non soltanto la vita dell'anziano artista ma ci si avvia verso svelamenti che modificheranno in modo irreversibile la vita dei tre protagonisti.

Scheda libro
Titolo: IL precario equilibrio della vita
Autore: Giorgio Marconi
Casa editrice: 96 rue de-La-Fontaine Edizioni
Pagine: 136

link d'acquisto: https://www.amazon.it/precario-equilibrio-della-vita/dp/8899783284


                                                   BREVE ESTRATTO

 quella vecchia lettera con uno sguardo di malinconia e colmo di affetto. Sospira. Goffredo vorrebbe domandargli qualcosa sul significato di quello scritto e se l’ha già letto. Non fa in tempo. Giulio riprende a parlare:
«La lettera che mi hai recapitato questa mattina, questa lettera che giace sul mio letto potrebbe essere il perno sul quale oscilla in precario equilibrio tutta la mia vita.
«Erano circa le undici quando, come ogni due giorni, ha suonato Lionel, il postino. Strano tipo, nel quartiere è soprannominato fosforo, dato che è più la posta che dimentica di recapitare di quella che giunge a destinazione. Come al solito, non ho prestato alcuna attenzione alla sua visita. Sai, non ho congiunti, vicini o lontani, né amici che siano soliti mandarmi gli auguri per Natale o per Pasqua; figuriamoci se qualcuno potrebbe scrivermi così, per parlare del più e del meno.
«Invece, Yvonne mi ha presentato te. Anche dopo che mi avevi dato il plico dall’aspetto così massiccio, pensavo che potesse trattarsi di uno scambio di persona: poteva essere la nipote di Bertrand che gli aveva inviato altri chili di foto di B.B. o forse l’amica con cui Enrietta intrattiene uno scambio di copertine di riviste di moda o, peggio ancora, il figlio di Oswald che… non oso pensare cosa potesse aver spedito all’eccentrico genitore! Invece, erano tutte ipotesi errate. Effettivamente sulla busta era segnato il mio nome e cognome».
Giulio confida a Goffredo che quella lettera è stata recapitata con sessantasette anni di ritardo, per un increscioso disguido delle Poste Italiane. E che, forse, proprio per rimediare a quel disguido, avevano deciso di mandare un impiegato fino a Parigi. Spiega che è una lettera dell’unica donna che ha davvero amato nella sua vita. Clara. Lettera che aveva atteso per mesi nel 1938 e che avrebbe potuto cambiare radicalmente la trama di quella che era stata la sua vita.

lunedì 24 aprile 2017

Flora Gallert: Un bacio a 5 stelle

Carissime amiche ed amici del blog
oggi vi segnalo l'uscita dell'ultimo romanzo di Flora Gallert scritto a due mani con Claudia Crocioni.  
Flora è una ragazza giovanissima, classe 93, ma già vanta la pubblicazione di tre romanzi.
I suoi romanzi sono romanticamente attuali, ci lasciano sognare e trascinare negli intrecci amorosi da lei ben descritti.

Un bacio a 5 stelle

Flora A. Gallert & Claudia Crocioni
BitterSweet, New York
Genere: Romance Young Adult – autoconclusivo 
Prezzo e-book: €1,49/Gratis con Kindle Unlimited – Solo su Amazon 
Prezzo cartaceo: €9,99 (disponibile in tutti i principali store e prenotabile in libreria)
Link d’acquisto: http://amzn.to/2oV6ROO


Sinossi: 
Giulia e Luca sono amici da una vita e frequentano lo stesso collegio svizzero per giovani facoltosi. Durante un viaggio a New York, un attentato terroristico li costringe a convivere a stretto contatto nel lussuoso hotel dove soggiornano.
L'irrazionalità, la spavalderia e i tormenti interiori di lui, si scontreranno con la bellezza, l'ingenuità e i valori di lei. Un continuo contrasto di momenti agro-dolci che cambierà per sempre le note regole dell'amicizia tra uomo e donna.

Tra baci rubati, promesse infrante e gelosie, riuscirà il tenebroso Luca a rinunciare a tutto per lei?
Estratti:
“Per un attimo rimanemmo in un silenzio imbarazzato, ce n'erano troppi in questo ultimo periodo, crescendo era tutto diventato troppo complicato. Ce l'avremmo fatta a non rovinare questa amicizia?”

“Chiusi gli occhi e ripensai alle labbra di Giulia trattenendo il fumo in bocca. Sapevo che me ne sarei pentito. Sapevo che sarebbero state le labbra più dolci di sempre. Sapevo che quando una cosa non potevo averla, allora diventava un chiodo fisso.”

“Pensai a Mathias in camera con Giulia. Lei non era mai stata con nessuno. Pensai a lui che le slacciava i pantaloni, che le toccava la pelle sotto la maglietta e che l'avrebbe voluta sopra perché è uno stronzo e sapevo che gli piace guardare.”

venerdì 14 aprile 2017

Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli


           Afrodite bacia tutti di Stefania Signorelli
recensione  di 
Ferlisi Maria Lucia


"Afrodite bacia tutti" il nuovo romanzo di Stefania Signorelli, si avvale dei miti greci per raccontare la realtà contemporanea.
Tredici racconti narrati con un linguaggio aulico, ma al tempo stesso leggero e scorrevole.
L'autrice ci narra di Afrodite e Nefesto, di Eco e Narciso, di Menelao ed Elena, di Achille e di Pandora...

Un libro che attraverso un'analisi ironica, riesce a riproporre vecchi miti greci, ancora oggi attualissimi, impersonificati in corpi nuovi, per rivivere una vita monotamente uguale alla precedente.

Certo hanno cambiato immagine, non abbiamo pepli, specchi o vasi, abbiamo smart-phone, facebook , tv e skipe... Ma la realtà è immutabile, le gesta si rigenerano, la follia rimane sempre uguale a se stessa. La vita, pregna del passato, si ripropone stritolando il nuovo Narciso o Achille, nelle nuove tecnologie.

Un libro che ci fa riflettere sui nuovi mezzi di comunicazione, sull'uso dei selfie, su Skype, sul'uso dei nuovi social che fanno nascere nuove malattie come la sindrome di " hikikomori e dimenticano usi e luoghi antichi.

Ci chiudiamo dentro una stanza, dietro un selfie, dietro lo schermo di una tv, perché la comunicazione è sparita, naufragata, nascosta dietro alle immagini sempre più belle ed accativanti e velocissime, ma che ci privano della realtà e della vita vera.


I miti si rigenerano in tutta la loro brutalità, tutto viene accettato e accolto perchè all'ineluttabilità della vita non puoi opporti. Come potresti poi, se nella realtà grava tutto il passato?

Afrodite "una rosa inzuppata nella panna".
Cassandra con "le sue parole stropicciate e perse. Foglie al vento d’autunno".
"La voce di Narciso, con la sua fragile dolcezza".
"Persefone desiderava una pioggia che non cessasse e una grandine che scrosciasse forte sui regoli e le grondaie del tetto".
"Pandora. Le lettere nel vaso si agitano oblique e chiamano il mio nome".

Non vi resta che assaporare questi racconti, questi "Piccoli pensieri. Dolci come mandarini"
 di Stefania Signorelli



SCHEDA LIBRO

Titolo: Afrodite bacia tutti
Autore: Stefania Signorelli
Pagine: 183
Editore: Prospero Editore



SINOSSI

Miti greci sonnecchiano, ma non troppo, in corpi contemporanei. Perchè gli dèi non solo non sono morti, ma godono di ottima salute.
Abitano in questi tredici racconti "caleidoscopio" Mida, che non è un re ma ha il vizio dell'oro e teme di condividerlo con gli sbarcati; Narciso, che ama solo se stesso e i selfie che lo ritraggono; Ercole, manovale malinconico con ex moglie molto a carico; Penelope, fedele a una città perduta; la bella Elena, che perde, alla lettera, la propria testa per Paride; Achille, responsabile aziendale delle risorse umane pi ù che annoiato dalla mediocrità che lo circonda; Afrodite, sospirata da tutti (marito Efesto compreso); Pandora, che ha per vaso la propria mente e tenta invano di nasconderci ogni paura; Persefone, in crisi matrimoniale; Arianna, che ha perduto sia Teseo che il filo. E se Anchise è parcheggiato in casa di riposo, ovviamente Megera non può che essere un'ex fidanzata vendicativa quanto machiavellica.

BIBLIOGRAFIA

Stefania Signorelli, classe 1973, è una maestra. Dopo aver conseguito i titoli in "Operatore dei servizi bibliotecari", "Scienze dell'educazione" e "Scienze della Formazione primaria", è uscita dal tunnel della saggistica e ne è lieta.
Ha scritto: Indice indaffarato

"Un esercizio di scrittura collettiva sul tema della lotta allo stigma realizzato in una classe di V elementare molto creativa, diventa un albo illustrato utile a tutti i lettori. C'era una volta e ancora c'è Indice Indaffarato, un dito "maestrino" ben puntato verso le diversità per etichettarle. A quale cattivo appartiene la mano? Età di lettura: da 6 anni.  "

martedì 4 aprile 2017

Fuori Zona Comfort Con $15 Al Giorno: Diario E Foto Tra Australia E Thailandia


Fuori Zona Comfort Con $15 Al Giorno: Diario E Foto Tra Australia E Thailandia di Umberto Cavazzini.

Recensione a cura di Ferlisi Maria Lucia


Non aspettatevi un romanzo, non lo è. Umberto Cavazzini ha scritto un diario di viaggio, aiutandosi con Google Kep, tutti giorni ha preso nota dei momenti più salienti della giornata. Il libro non è suddiviso in capitoli con titoli, ha solo date.
Ad Umberto non è stato sufficiente viaggiare, conoscere il mondo per ben otto mesi. No, come dice lui stesso, ha voluto anche pubblicare questo diario.
Dopo una mega festa di addio con tutti i suoi amici, si è preparato per la partenza verso la prima meta del lungo viaggio: Sydney.
L'autore ha sentito il bisogno fisico di lasciare il proprio paese, di cui non ha più rispetto, per cercare altri orizzonti, non solo dal punto di vista visivo, ma voleva provare altre realtà economiche e politiche.
In questa Italia si sente soffocare, non riconosce più come suo questo paese corrotto, e i suoi abitanti che non riescono a ribellarsi.
Allora via, uno zaino, pochi soldi, ma la speranza di trovare un senso a questa insoddisfazione che sente dentro l'animo.
"Non più conoscenti che non sanno fare domande", "non più gnocche asociali ed introverse", non più grigiore sociale", "non più politici corrotti".
"Ho bisogno di impulsi vitali di quelli forti", per vivere al meglio e non sopravvivere.

Certo anche a lui in aeroporto, al momento della partenza, due lacrime scivolano durante l'abbraccio con la madre, loro due "siamo due anime che si uniscono e si ritrovano nel cuore".
Ma poco importa, la partenza è fissata, nulla può distoglierlo dal progetto, nemmeno l'amore per sua madre. Perché è giunta l'ora in cui si deve "ricominciare da capo, con tanti sogni e un po' troppe speranze".
Vale la pena allontanarsi per vivere e conoscere altre realtà, per confrontarle e comprendere, così l'autore, tra una birra e della buona musica, sperimenta la vita fuori dall'Italia. Certo non è per nulla facile vivere all'estero, con pochi soldi, ma i centri commerciali offrono pranzi per pochi soldi e per dormire si può provare la scomodità dell'ostello o la generosità del couchsurfing. 
Tutto per sfuggire alla società delle apparenze. Ma la realtà non è poi così diversa. Anche qui le apparenze contano e tu sei il signor nessuno in terra straniera. Poi un po' troppe regole soprattutto legate al bere, ed ad Umberto questo non piace. Allora è l'autore che "non riesce a convivere con se stesso?"
Forse, o forse le società sono tutte uguali a se stesse.
La frase "non sono nessuno ma posso essere chi voglio", può essere valida?

In Thailandia l'autore trova persone più gentili, anche se ovunque regna alta la miseria, ma è anche un popolo di truffatori e lui stesso ne paga le spese. L'impatto con questo paese è sicuramente positivo.

"Si vede più che altro un paese che vive di semplicità, di modestia, che non si fotte la testa con mille inutili fronzoli, che non ha troppa cura per l’ estetica di case, macchine e strade, ma che offre splendide rifiniture per templi e santuari. Che stia a simboleggiare la volontà di non rendere importante il mondo materiale, ma solo quello dello spirito? Si percepisce che qui la vita è più autentica, spontanea, saggia, genuina."

"La Thailandia mi stupisce sempre più, giorno dopo giorno. Qui c’ è molto da fare e da vedere, anche grazie al basso costo della vita, e al fatto che i paesaggi sono molto differenti tra loro e tutti intrisi di tradizione. Sto quindi spendendo più di quello che prevedevo, proprio perché voglio vivere al meglio questi ultimi momenti, e voglio anche assaporare emozioni indimenticabili che altrove mi costerebbero un occhio della testa. "

L'autore con un linguaggio scorrevole, spesso irriverente, ci descrive, giorno dopo giorno, la vita fuori dalle nostre abitudini, dai nostri luoghi cari e dai nostri amici. Certo ci si può sentire soli, ma è importante vivere queste esperienze, immergersi in queste emozioni, scoprire altre mondi e realtà possibili.
Il ritorno a casa è sempre ineguagliabile., con la consapevolezza però che "Fermarsi è l’ unico divieto" che dobbiamo sempre ricordarci per vivere veramente.
Il libro è corredato da splendide foto, di questo lungo viaggio di scoperta, che arricchiscono e completano il libro.


Sinossi:

 e se ti ritrovassi in giro per il mondo alla scoperta di tutto ciò che ti è ignoto, in totale libertà, senza meta, con pochi risparmi e buon spirito di adattamento: che cosa potrebbe accadere? Eccoti la mia risposta alla domanda. Una risposta annotata lungo tutto il libro, carica di vicende e incontri assurdi, scoperte, emozioni, foto.

Scheda Libro

Autore: Umberto Cavazzini
Titolo: Fuori Zona Comfort Con $15 Al Giorno: Diario E Foto Tra Australia E Thailandia
Casa editrice: CreateSpace Independent Publishing Platform

Pagine: 404

martedì 17 gennaio 2017

Il Manuale di coppia di Annabelle Lee



Carissimi amici del blog
vi posto la  recensione del libro
  Il manuale di coppia 
di Annabelle Lee,   pubblicata recentemente  per il sito Cultura al Femminile.





Ci sono ricette, metodi e consigli per costruire un buon rapporto di coppia?  Fino a qualche giorno fa, vi avrei risposto di no, non ci sono guide che possano aiutarci a costruire un'unione, ma dopo avere letto "Il manuale del rapporto di coppia",  di  Annabelle Lee, già conosciuta come autrice di romanzi, ho cambiato decisamente opinione, in questo libro in cui vi sono consigli e metodologie  per: 
"costruire un rapporto duraturo e stabile nel tempo".
Nel libro, l'autrice sottolinea che
"non fa miracoli, non trova il partner perfetto, non è un ricettario amoroso", ma subito aggiunge: "ma funziona", l'importante è "la costanza".
 Costanza una piccola parola, quasi insignificante, ma detta legge all'interno di ogni sua applicazione, ci vuole anche "impegno", altrimenti è inutile leggere il manuale, se poi, a priori, non siamo in grado impegnarci nell'applicazione e costruzione della felicità per arrivare ad una relazione stabile.
Se siete single vi assicurerà il successo nella prossima vostra relazione, parola d'Autrice!
Vi sono 4 fasi da seguire, che costituiscono i capitoli di questo simpatico manuale.

Non vi racconterò tutte le regole, ma la prima per stuzzicarvi un po' nella lettura, sicuramente si.
Regola n° 1: "in amore vince chi fugge".
E' il metodo sicuro e vincente. Una volta individuato l'obiettivo: maschio, belloccio, single, procedete: non buttatevi contro di lui, no, dovete ignorarlo, si, ma non troppo. Dovete ignorarlo con noncuranza, rispondere "a monosillabi", "sorridere distratti".
Questa semplice regola vi avrà fatto sorridere, state pensando ecco l'autrice ha scoperto l'acqua calda...Non siate ironiche, è una regola importante, occorre parecchio sangue freddo e autocontrollo. Avete davanti l'uomo della vostra vita e dovete ignorarlo. Alzi la mano chi è capace di restare indifferente di fronte a due occhi languidi, magari azzurri e pettorali da urlo...Vedo poche mani alzate!
Questa è la dimostrazione che non è facile.
L'autrice elenca anche dei segnali comportamentali per illuminarci al meglio nel procedere alla conquista del nostro bersaglio. E se non avete compreso bene, ogni capitolo prevede un riassunto.
  1. "Non idealizzare.
  2.  tenere gli occhi e la mente aperti (il cuore lo è già)
  3.  usare il buonsenso
  4.  non soprassedere
  5. cogliere e analizzare isegnali che ci fanno capire chi abbiamo veramente di fronte. Anche perché le persone non cambiano!"
Attenzione,  Annabelle Lee vi indicherà anche degli esercizi da eseguire, un po' come a scuola: i compiti a casa; ma l'obiettivo merita qualche sacrificio.
Il libro non è rivolto solo alle single, perché l'autrice dispensa  consigli a chi ha già un unione salda, in questo caso vige la regola "attenzione all'abitudine", e vi mette in guardia:
"non è nello stare appiccicati che si crea l'insieme".

 Il manuale del rapporto di coppia è un libro accattivante, grazie all'impostazione grafica, alle righe in bianco per prendere appunti, agli esercizi ed ai consigli.
L'autrice ci elenca i suoi metodi e consigli con una scrittura leggera, scorrevole e piacevolmente ironica.
Azzeccata la scelta del corsivo, che conferisce al testo un tono confidenziale, come una chiacchierata con l'amica del cuore. Un libro da far leggere alla nostra cara amica single, ma anche a quella che ha già il fidanzato, se intuite che necessita di qualche dritta.
Scheda libro 
Titolo: Il manuale del rapporto di coppia
Autore: Annabelle Lee
Editore: Autopubblicazione
Pagine: 156
Sinossi
Tempi duri per i romantici: le coppie sempre più spesso scoppiano, anche quelle che sembrano perfette (ahimè, vedi Brad e Angelina)! In un mondo frenetico che cambia sempre più velocemente, tra mille impegni e distrazioni, tra Facebook e Tinder, le relazioni di coppia durature sono destinate a diventare roba da altri tempi?
Ma no: l'amore, quello vero, è troppo bello e importante per rinunciarvi. Bisogna però non commettere errori: evitare di idealizzare il partner, concretizzare le proprie aspettative, risolvere i problemi e consolidare il rapporto.
Sembra difficile? È per questo che abbiamo un manuale! Annabelle Lee con il "Manuale del rapporto di coppia" propone le soluzioni e i segreti per costruire la vostra storia d'amore ideale e mantenerla stabile e vivace nel tempo!
Una guida per tutti, con tutto quello che c'è da sapere per salvaguardare il proprio rapporto d'amore.
http://www.culturalfemminile.com/2017/01/04/il-manuale-del-rapporto-di-coppia-di-annabelle-lee/

lunedì 12 dicembre 2016

Recensione: Le regole di Hibiki di Cristiano Pedrini

LE REGOLE DI HIBIKI
DI CRISTIANO PEDRINI

Hibi Green ha 18 anni, senza genitori ed un fratello dodicenne malato, da accudire. La vita non può certo essere facile a quest'età se rimani solo, senza più riferimenti,senza lavoro e con la disperazione nel cuore per tuo fratello. No, la vita non è facile per Hibi, soprannominato Hibiki, "dagli occhi verdi quella tonalità così insolita, simile al colore degli smeraldi più puri". La disperazione ti porta a fare azioni e d accettare compromessi che se almeno la madre fosse rimasta con loro, non sarebbe certo successo. Ma la vita è dura e per sopravvivere accetta di prostituirsi, diventa il ragazzo di "compagnia di un uomo facoltoso, e grazie alla tariffa alta che riceve riesce a comprare le medicine costose per Owen il fratello minore.
Il ragazzino è consapevole del grande sacrificio del fratello, "dimostra una maturità alla quale i suoi 12 anni non rendono giustizia", suo fratello sa tutto e cerca di trovargli un lavoro obbligandolo a presentarsi in uno studio legale come fattorino. Hibiki e riluttante, pensa che possa essere l'ennesimo rifiuto, ma non vuole deludere il ragazzo, con il quale ha stretto un patto di dirsi sempre la verità, niente segreti tra loro, poi dopo la morte della madre "seppur nati da padri differenti, avevano sviluppato un legame che la morte della madre aveva rafforzato oltre misura".

Hibiki si presenta al colloquio e l'ottiene, in modo quasi rocambolesco, infatti si era nascosto sotto una scrivania, per sfuggire allo sguardo di uno dei soci dello studio: Gregory, l'uomo facoltoso a cui "teneva compagnia".
Viene scovato dal proprietario Chris Page, 28 anni, uno degli avvocati londinesi più in vista.
Chris rimane ammaliato dagli occhi del ragazzo e decide di offrigli il lavoro e una buona paga.


Hibiki si dimostra da subito ribelle e indisponente, nonostante la necessità del lavoro, mostra da subito un atteggiamento forte e sicuro di se, forse anche alle sue regole, necessarie per sopravvivere in un mondo difficile e senza affetti. L'atteggiamento di Hibiki incuriosisce e il giovane avvocato, " Chirs non riesce a vederlo come tale. Anzi si rendeva conto che la curiosità verso di lui cresceva di ora in ora".
Questa forte amicizia che si stabilisce tra l'avvocato ed il fattorino, non viene accolta bene da Gregory che lo riconosce ed ha paura di essere scoperto per le sue relazioni omosessuali, ma non piace nemmeno agli altri soci. Il ragazzo subirà diverse angherie e anche attentati alla sua vita da parte dello staff, "odioso impiccione invadente..ed altre cosette che non mi sovvengono". Gregory spera: " i capricci che hanno origine dall'istinto sono tutti simili a fuochi fatui.."
Ma le attenzioni di Chris per Hibi sono sincere e forti, riescono a superare gli ostacoli che l'intero staff compie a danno del ragazzo per metterlo in cattivo luce, ma lui" importante avvocato, tra i più famosi e ricchi della città. è letteralmente ai suoi piedi".



Come finirà questa tenera storia d'amore al maschile? Hibiki sarà il ragazzo della sua vita? La loro storia riuscirà ad uscire indenne dai veri tentativi di dividerli da parte dei suoi soci?
Allora dovete leggere il libro di Cristiano Pedrini che con una scrittura leggera, delicata e pulita affronta un tema delicato, l'amore al maschile, che c'è, esiste ed è forte e romantico. lo scrittore riesce a descriverlo senza fronzoli, con una scrittura chiara, a tratti romantica, a tratti ironica. Lo scrittore riesce a farci arrivare alla fine del racconto con il sorriso e la delicatezza dei romanzi rosa.

"Molti pensano che ognuno di noi sia sempre alla ricerca di se stesso e di ciò che lo rende completo, forse perché si sente privo di qualcosa".
Ecco in questa frase si racchiude il senso di ogni storia d'amore, al maschile o al femminile, non importa, ciò che rende un amore perfetto si trova soltanto nel completamento della ricerca della nostra metà che ci manca per essere veramente noi stessi.

SINOSSI

LE REGOLE DI HIBIKI

Hibiki vive a Londra, ha diciotto anni, una vita difficile alle spalle e Owen, il suo fratellino dodicenne e malato di cui prendersi cura.
Da quando è morta la loro madre e sono rimasti soli il compito del fratello maggiore è di occuparsi della casa e delle loro vite e per questo si prostituisce, almeno fino a quando Owen non lo prega di smettere. È così che troverà lavoro come fattorino per un grande studio dove conoscerà Chris, uno dei più grandi avvocati di Londra, ricco e importante uomo d’affari che sembra irraggiungibile, ma che al tempo stesso pare subito interessato a quello sfacciato, ragazzino che tiene sempre la testa alta e non si fa mettere i piedi in testa da nessuno.
Tra sentimenti, azione, pericoli, grandi passioni e grande avventure, si dipanerà la grandiosa storia di Hibiki e del suo amore contrastato e proibito, che cattureranno il lettore catapultandolo in un’incredibile avventura carica di phatos e sentimenti, di avventure e di emozioni.


https://www.amazon.it/regole-Hibiki-Auto-fe-ebook/dp/B01K82OGQ8


BIOGRAFIA


Cristiano Pedrini


Nato negli anni settanta, lavoro dal 1998 in una biblioteca della provincia di Bergamo e come tutti ho i miei infiniti difetti, tanto che mi considero un perfetto imperfetto…
Nel mese di agosto del 2014 ho iniziato quella esaltante e incredibile avventura che è la scrittura Qualcosa che mi spinge a ritrovare me stesso, a fare i conti con ciò che sei ed a immaginarti un mondo diverso, forse migliore o forse peggiore, a seconda degli occhi di chi vede e legge ciò che esprimi…

mercoledì 30 novembre 2016

Temaki di Caterina Stile


Recensione del libro TEMAKI di CATERINA STILE



Caterina Stile in questa sua prima prova letteraria ha scelto il tema dell'amicizia, quella forte, vera che nasce tra i banchi di scuola e si consolida fino a diventare indissolubile.
Un'amicizia che non sembra minata dalla diversità di carattere, che nasce, matura e si consolida negli anni e che da un trio diventerà un sestetto.

Chiara, Tessa e Maria sono tre adolescenti, con i loro sogni e speranze, che diventano più forti ed importanti perché condivisi tra loro. La loro unione non si scalfisce di fronte alle scelte scolastiche diverse e d affrontano la vita in un accordo stretto sulle seggiole di un bar dove i loro sogni scintillano e volano leggeri, sorvolando i confini dell'amore a loro ancora sconosciuto.
Il trio dal codice segreto TEMAKI è stato fondato, prende il via dalle iniziali dei loro nomi con l'eccezione di Chiara il cui nome viene cambiato con la K per dare un'impronta fresca ed orientale alla loro amicizia.

Tre ragazze completamente diverse.
Chiara dal carattere più serio e determinato, ama lo studio e vuole raggiungere i suoi obiettivi lavorativi.
Maria dal carattere dolce, educata, in apparenza più fragile e remissiva, ma nella realtà è quella che sa che cosa cerca nella vita: serenità, amore, figli.
Infine Tessa dal carattere più ribelle, un po' troppo esuberante con i suoi tacco 12 e scollature che evidenziavano un seno prosperoso, ma in fondo è una brava ragazza che non sa cosa sia l'amore e lo cerca nel modo sbagliato.
"Non ho mai visto tre amiche così diverse e così legate. Sarebbe bello se restassero in contatto anche dopo essersi fatte una famiglia".
La trama si dipana nella descrizione dettagliata e precisa di questa forte intesa delle tre amiche e dagli incontri con i loro rispettivi amori che confermeranno o cambieranno la vita delle tre donne.
Maria conosce Paolo il ragazzo della porta accanto con cui condivide la semplicità dei suoi sogni: una bella casa arredata con amore, dei figli e lui, il principe azzurro dei suoi sogni da bambina; un giovane avvocato, che appena il suo contratto diventa a tempo indeterminato, gli chiederà la mano con tanto di anello che luccica.
Chiara sarà alle prese con un amore difficile, fatto di liti e rappacificazione, ma la complicità delle amiche e di una attempata collega di lavoro, l'aiuteranno a coronare anche lei il suo sogno d'amore. Il ragazzo si chiama Riccardo ed è un uomo, vero, non è un ragazzino, la cui vita è votata alla carriera, ma l'incontro con Chiara lo cambierà.
Riccardo è affascinante, "capelli neri dal classico taglio non troppo corto degli uomini d'affari." "..sa prendere l'iniziativa, ha spirito d'organizzazione, è corretto, leale e paziente con me."
Un uomo che sembra uscito da una favola americana, ed è innamorato di lei, Chiara, che non spicca per femminilità nei vestiti sempre uguali e non firmati, di una donna che deve far quadrare i conti, ma la sua bellezza e determinazione sono in grado di lanciare una freccia di cupido meglio di chi indossa un vestito Dior o da un qualsiasi tacco 12.
Infine c'è Luca un dolce e bellissimo ragazzo che riesce a scalfire il cuore di Tessa, un cuore indurito che non vuole rischiare d'amare veramente, e preferisce abbandonarsi a squallidi incontri, con "una grande facilità ad aprire le gambe" senza alcun pentimento, tranne ora che il suo sguardo si perde negli occhi di Luca.
Con lui Tessa scopre come il suo mondo era sbagliato e diverso, se prima "la felicità è il fondotinta, più efficace per me donna", e "come se da sempre guardasse il mondo con le palpebre socchiuse, giusto lo spazio per farci entrare le cose importanti", adesso lei ha aperto gli occhi che si colmano in quelli di Luca e nulla è più come prima.
Questo ragazzo che ha saputo guardare oltre la fisicità prorompente della ragazza, "Luca sa che oltre il fondotinta Tessa è diversa"; E tessa subisce un cambiamento totale, basta tacchi, scollature e trucco esagerato, finalmente scopre la comodità delle scarpe di ginnastica, delle tute e del volto libero di respirare e sentire il vento sulla pelle.

Il trio temaki è forte nulla lo potrà distruggere, nessuna vicissitudine potrà cambiarlo o modificarlo.

La vita delle tre donne continua, tra matrimoni, fidanzamenti, pasticcerie, viaggi, liti, dottoresse del cuore, padri, madri, case da arredare, nascite....
Il trio non si modifica vero, ma si allarga è l'unica concessione, diventa sestetto, poi diminuisce, poi si allarga, poi si allarga ancora.
Risate, lacrime, pannoloni da cambiare, pappe da preparare, viaggi, lacrime ma ancora gioia.
Si, perché questo libro non parla di sogni irrealizzabili, qui non vi sono dame e cavalieri, non vi sono personaggi alla Grey, in questo romanzo c'è vita, quella vera, di tutti i giorni, ma non per questo meno affascinante.
La scrittura di Caterina è scorrevole, descrittiva, e ci intriga nella piacevolezza della vita di oggi, con i problemi degli studi, del tirocinio lavorativo, del rischio delle attività commerciali.
..."quelli che hanno parole fragili come bolle di sapone che posso essere liberate solo al riparo del vento"....
Un libro reale, con personaggi reali con la vita reale.
Argomenti di attualità che scorrono nei personaggi del trio, un trio che:
"aveva avuto forti scossoni per riassestarsi e alla fine si era formato un nuovo equilibrio, l'amicizia era sopravvissuta anche al momento in cui si erano rese conto che da sole non sarebbe bastata a colmarle".
Si, l'amicizia vera non si ferma, ma si rafforza, cambia perché l'essere adulti comporta un mutamento inevitabile, ma loro non si abbandonano, sono sempre unite come un cerchio stretto dalla loro mani.
Una storia di donne, una storia di amiche che:

"solo di fronte alle lacrime comprenderanno" ed ognuna di loro comprende, e cambia, per essere se stessa fino alla fine, costi quello che costi.




Sinossi:


Quando la vita perde i contorni dell’infanzia, ogni riferimento si dissolve nell’incertezza e bisogna fare i conti con una realtà a volte talmente crudele da macchiare perfino i sogni e le speranze giovanili. Chiara, Tessa e Maria lo imparano a proprie spese scontrandosi con le responsabilità, gli ideali, le difficoltà di un’esistenza che a un tratto non sembra più appartenere loro. Chiara trova lavoro lontano da casa, Maria cerca di affermarsi contro una madre troppo invadente, Tessa deve affrontare una nuova sé e l’amicizia inossidabile che le unisce mostra le prime crepe. Saranno gli eventi a rivelare loro a poco a poco l’importanza della condivisione anche di fronte ai fallimenti per raggiungere la consapevolezza che quando sta per nascere una nuova vita, nel corpo o nell’anima, il dolore è incommensurabile. Crescere vuol dire anche questo. 
Temaki è il romanzo della crescita, il romanzo dell’affermazione di sé che, con stile tagliente e profondo, permette a ognuno di rispolverare le ansie giovanili, le delusioni insopportabili, i sogni romantici, gli ideali troppo deboli di fronte alla realtà. L’autrice sviscera i rapporti umani eludendo ogni dettaglio superfluo fino a giungere all’essenzialità dell’io-tu, allo scontro – uomo-donna, genitore-figlio – inevitabile e necessario per comprendere che l’amore, in tutte le sue forme, non accetta compromessi.


Lo troverete su Amazon formato Kindle a 2,99 euro
https://www.amazon.it/Temaki-CATERINA-STILE-ebook/dp/B01E82WW3I?ie=UTF8&keywords=temaki&qid=1462891190&ref_=sr_1_1&s=digital-text&sr=1-1

Biografia


Caterina Stile, classe ’84 e una laurea a pieni voti in Scienze Biologiche, è l’ideatrice del sito web Sapere & Potere, il progetto che le ha permesso di dare spazio alla passione per la ricerca scientifica, l’interesse per l’informatica e l’attitudine alla scrittura.
L’impegno costante tra libri cartacei e ricerche sul web ha incentivato in lei la curiosità in ambito medico-scientifico e l’intenzione di rendere accessibili a tutti conoscenze spesso trascurate perché considerate monopolio di pochi. Per questo motivo è nato Sapere & Potere, sito web di divulgazione scientifica.
Ma la sua vita non ruota solo attorno alla scienza: nel tempo libero legge e scrive (Temaki è il suo primo romanzo pubblicato online), ama stare all’aria aperta e dedicare tutte le attenzioni alla famiglia che occupa un posto prioritario nella sua vita.

lunedì 21 novembre 2016

Un leggero caldo vento di scirocco di Ferlisi Maria Lucia



Grazie ad Elvira Rossi per la recensione pubblicata sul sito di Cultura Al femminile.


Un leggero caldo vento di scirocco 

di Maria Lucia Ferlisi 

Attraverso una storia di donne c’introduce nella Sicilia degli anni Trenta.

Le prime battute del libro disegnano presto l’atmosfera, in cui il lettore sarà immerso, spingendo il suo sguardo all’interno di una casa della piccola nobiltà di provincia.

È significativo che la prima immagine sia quella di una donna, che sbircia dalle persiane socchiuse.

Ad appartenere alla donna sono gli interni della propria dimora.
Il mondo esterno, che è di proprietà esclusiva degli uomini, dalle donne può essere solo osservato da lontano, scrutato, spiato, chiacchierato, ma non vissuto con una partecipazione attiva.
Maria Lucia Ferlisi racconta la storia di un’epoca, prospettando la condizione femminile nei primi decenni del Novecento in Sicilia.
Tutti gli elementi della narrazione, personaggi e ambiente, assumono una forte caratterizzazione regionale.
E la scrittrice, pur scegliendo la forma del romanzo breve, non cede mai alla vaghezza e alla genericità, regalandoci una storia di costume.

Nell’epoca, a cui ci si riferisce, la Sicilia si presenta immobile e impenetrabile ai primi fermenti dei movimenti femministi, che incominciano a nascere altrove, nelle città del Nord Italia e più ancora in certi Paesi europei.

 La mentalità, che discrimina la donna, appare più resistente all’estremo Sud dell’Italia e in particolare nei piccoli centri che, isolati e privati di un confronto, restano fermi nella propria stagnazione.
Il culto della verginità femminile.
Il dovere di procreazione della donna.
Matrimoni riparatori o combinati dalle famiglie.
Differenza tra figli legittimi e “bastardi”.
Una morale femminile, rigida e severa e una morale maschile, estremamente permissiva.
Donne ritenute vecchie a trent’anni.
Donne, che passano dall’autorità paterna a quella del marito.
L’istruzione minima, garantita alle donne dei ceti abbienti e mai finalizzata allo svolgimento di un’attività fuori casa.
La morale ipocrita dell’apparire.
Un malinteso senso dell’onore e del disonore.

Sono tutti temi presenti nel romanzo della Ferlisi e indicativi di un dispotismo maschile, che pone la donna in una posizione di grave subalternità.


Sebbene gli indicatori temporali ci conducano agli anni Trenta, i personaggi rappresentati, per il modo di pensare e di agire, potrebbero essere collocati indifferentemente anche nell’Ottocento come negli anni Cinquanta.
La Sicilia, difatti, solo in tempi recenti si è libera dalle scorie di antichi preconcetti.
Del resto nel nostro Paese la soggezione delle donne non è stata solo consacrata da convinzioni intransigenti e retrive, ma per lungo tempo ha trovato anche il consenso di una dottrina giuridica lenta e ottusa.
Basti pensare che il delitto d’onore è stato cancellato solo nel 1981.
Nel romanzo ad avere un rilievo sono soprattutto i personaggi femminili che, pur subendo torti e umiliazioni, stentano a prendere coscienza del proprio stato.
La doppia morale, assimilata dalle donne, non risparmia i loro giudizi, inducendole a essere tolleranti nei confronti dell’uomo, a cui si perdonano infedeltà e soprusi.
Peraltro l’universo femminile tratteggiato dalla Ferlisi è diviso pesantemente dalle differenze sociali.
Se la donna è un oggetto, la donna ricca e di buona famiglia è un oggetto di valore e gode di un minimo di tutela.
La donna povera e di bassa condizione è una cosa di poco valore, che si compra facilmente.
Oggetto di scarto, che si può prendere e lasciare a proprio piacimento, si può usare e violentare senza scrupolo.

La donna povera è molto più debole, ricattabile e vulnerabile.

E qualora sia priva di una presenza maschile, che la protegga, è alla mercé di tutti e soprattutto del padrone,  come accade in questo romanzo ad Annina.

Che il padrone abusi della contadina o della serva è solo una naturale manifestazione di esuberanza virile, considerata con occhi indulgenti da entrambi i sessi.
In questo romanzo Consiglia e Annita appartengono a classi sociali molto distanti, una gode di notevole agiatezza e l’altra, povera e vedova, vive lavando e stirando panni nelle famiglie benestanti.
Le donne non hanno scoperto ancora la forza eversiva della solidarietà, indispensabile per smuovere privilegi e ingiustizie.

E appaiono vittime e complici nello stesso tempo.

Segmenti aggiuntivi di una geometria maschile, cementata dalla consuetudine.
Si muovono in un ambiente asfissiante e ostile, che sembra fissare ciascuno al proprio ruolo e alla propria condizione, non concedendo spazio ai sogni e alla loro realizzazione.

Le protagoniste di questo racconto sono prive di difesa e nella lotta quotidiana annaspano come guerrieri disarmati.


Se l’ignoranza rallenta la consapevolezza degli abusi, la povertà rende improbabile una reazione.
E l’inerzia, alla fine, favorisce le angherie degli oppositori, proiettando su di loro una luce opaca di legittimazione.
Le donne sono bloccate da un sistema cristallizzato di regole, dalle quali è difficile allontanarsi e le più povere hanno una difficoltà maggiore a sottrarsi all’impronta di una fatalità già scritta.

Il personaggio più dinamico, suscettibile di evoluzione, non a caso è Consiglia, più istruita e ricca.

Prima fragile, contraddittoria, poi combattiva, è l’unica donna, che saprà opporsi a un’esistenza grigia, anticipando un barlume di ribellione in una società restia al cambiamento.
Lei, che non esprimeva mai sentimenti né di comprensione né di pietà per le altre donne e ricorreva facilmente ai termini “buttana” e “bastardo”, con la stessa logica maschile, alla fine, e non a caso, dopo la morte del marito, saprà essere artefice della propria rinascita.
In una solitudine pensierosa esamina la propria vita.
Ripercorre con angoscia un passato triste  di prepotenze, sepolte nella memoria.
L’oltraggio più devastante le era stato inflitto dalla madre, che aveva deciso per lei, pregiudicando in maniera irrimediabile il suo futuro di donna.
La madre si era preoccupata unicamente di salvaguardare la reputazione della famiglia, sacrificando la figlia al senso dell’onore.
I sentimenti e la volontà di Consiglia erano stati trattati come dettagli irrilevanti, che non meritavano né attenzione né dubbi.
E, dopo molti anni, Consiglia matura una nuova coscienza e scopre di provare un risentimento profondo per la sopraffazione della madre.
Inoltre, per la prima volta, con un atteggiamento lucido e impietoso, riconosce anche i propri errori.
Questo percorso interiore, pur tormentato, la condurrà alla riappropriazione del proprio essere.
Da questa fase uscirà sollevata e rigenerata, sorprendendo tutti per la determinazione, con cui inseguirà un’esistenza rinnovata.

Il risveglio di Consiglia sarà accompagnato dalla disapprovazione generale, ma questa volta lei anteporrà a tutto la propria felicità e nel suo progetto di vita non ci sarà spazio per il  giudizio altrui.

Si libera dai vincoli familiari e sociali.
Il dissenso, anche quello dell’amata sorella, la lascia indifferente, non sente il bisogno di spiegarsi e non chiede di essere compresa
La donna con la sua voglia di riscatto compie un gesto di coraggio e di amore e si fa il regalo più desiderato, cercando di riprendersi quello che la vita le aveva negato.
Esprime la massima sfiducia nei confronti dell’ambiente, in cui vive, e lo scopre incompatibile con la propria realizzazione.
Desidera salvaguardare l’immunità conquistata e, per sfuggire all’oscurantismo, che come una malattia virulenta sembra aver contagiato uomini e cose, decide di lasciare definitivamente Marsala.

Non vuole perdere tempo, sente di recuperare il tempo perso e si prepara a partire, ma non sarà sola.

E in quella presenza straordinaria, che le sarà accanto, c’è la speranza di un nuovo futuro.
Due creature che si allontanano, mano nella mano, lasciandosi alle spalle ciascuna la propria infelicità.
“Lentamente si avviarono lungo la strada, un leggero caldo vento di scirocco accarezzava quei due corpi che lentamente rimpicciolivano alla fine della via, sempre di più fino a scomparire”.

Annita, un altro personaggio di rilievo, tende invece ad accettare supinamente gli eventi, e fino all’ultima pagina non riserverà molte sorprese al lettore.
Aderisce alla realtà e non osa insorgere.
In lei prevalgono l’assuefazione e la rassegnazione, caratteristiche tipiche dei vinti.
L’esistenza travagliata l’ha domata, rendendola arrendevole e fiaccando la fermezza del carattere.
Questa povera donna sprigiona la forza fisica nel lavoro.
Lava e strizza i panni delle signore e  passa  tante ore in piedi a stirare accuratamente capi fini di abbigliamento.
Deve manovrare con cautela il ferro, pieno di braci, sopra i tessuti delicati e teme di danneggiarli.
In questo caso non solo non guadagnerebbe nulla, ma dovrebbe risarcire il danno.
La vita dura ha strappato ad Annita la potenziale resistenza, offuscando pure la sua sensibilità.

Con perfetta simmetria, nelle parole e nei gesti della donna si ris
I suoi comportamenti stupiscono per l’asprezza.

In lei vive una concezione dualistica dello spirito materno.

Madre responsabile per i figli legittimi e madre disamorata per il figlio bastardo, come lei stessa lo definisce.

pecchia la morale schizofrenica di una società, che con cieca crudeltà incomincia a discriminare i bambini sin dalla nascita, per poi continuare a perseguitarli come diversi.
Annina sente ripugnanza per l’aborto e sceglie la vita per il figlio della vergogna.
È l’unico atto d’amore, che saprà compiere per l’innocente creatura.
Annina non dubita, non s’interroga, si abbandona all’esistenza, assecondando il proprio istinto, che si muove tra la ragione e il cuore, assopiti dall’estenuante lotta quotidiana.
La sua sensibilità a poco a poco è stata come prosciugata dal caldo vento di scirocco della sua Terra, fino a dissolversi nell’aria, tanto da lasciare solo tracce impercettibili.

In questa storia, come nella vita reale, le donne sembrano fatalmente destinate a dover fare i conti con i sentimenti negativi o positivi, legati alla procreazione.

Essere madre un dovere, un desiderio, una fatalità, una vergogna.
Maternità più o meno felice, maternità desiderata e negata, maternità nascosta: un evento sempre al centro della riflessione femminile.
Nessuna donna riesce totalmente a sfuggire, almeno sul piano delle emozioni e dell’immaginazione, all’idea di maternità, che segna l’appartenenza al genere.
E oggi l’evoluzione, che ha illuminato anche i paesini del Sud Italia, non ha ancora liberato totalmente le donne dal dovere di essere madre.
Il dovere di essere madre è profondamente diverso dal desiderio di essere madre.
Tale differenza può essere colta solo dall’animo femminile. E a tale proposito vengono in mente le parole di Virginia Woolf:
“Sarebbe mille volte un peccato se le donne scrivessero come gli uomini, o vivessero come gli uomini, o assumessero l’aspetto degli uomini”.

Un altro dato interessante: in questa vicenda le figure maschili, a parte i bambini, sono tutte negative.

Antonio Nicosia,  Giovanni “u professuri”, ovvero il marito di Caterina, Sergio Tributi l’anziano pittore.
Tutti galantuomini, rispettabili protagonisti di una vita di provincia, che nasconde mediocrità e squallore dietro un perbenismo di facciata.
Sara, Carlo, Domenico, bambini poco amati o rifiutati, intervengono nella storia con una capacità di accoglienza, che a tanti adulti resta sconosciuta.

Il piccolo Domenico, che per la madre è solo “un inutile fardello”, per Sara e Carlo è semplicemente un fratello.
“…Sara e Carlo amavano quel fratellino, lo coccolavano in tutti i modi, facendolo giocare, portandolo in giro, dandogli da mangiare e raccontandogli delle storie per farlo addormentare…”

Qui con evidenza appare una frattura insanabile, che separa il mondo dei bambini da quello degli adulti.

Piccoli e grandi sono corpi tristemente separati, che non possono comunicare, perché s’ispirano a codici discordanti.
I bambini ascoltano con naturalezza la voce, che viene da dentro, mentre gli adulti, incapaci di coglierla, si lasciano catturare dal coro monotono di voci esterne.
Le sequenze più intense del racconto sono proprio quelle che vedono la partecipazione dei bambini, ma la scrittrice sfugge al rischio del sentimentalismo.

La Ferlisi, per tutta la narrazione, resta fedele a un atteggiamento misurato e distaccato, escludendo ogni giudizio morale.

L’autrice si confronta con il passato, rendendolo accessibile ai giovani di oggi.
Le nuove generazioni potrebbero non sapere, non capire che tante libertà, di cui godono, non sono sempre esistite.
Con un linguaggio limpido e del tutto privo di regionalismi racconta coraggiosamente la Sicilia di ieri, ponendosi in congiunzione tra presente e passato.
Le forme espressive sono uniformate alla contemporaneità, mentre personaggi e ambientazione sono ispirati alla tradizione.
Nel romanzo sentiamo sia l’eco non ancora spenta di storie, impresse nella memoria di una vita di provincia, e sia certe suggestioni della grande letteratura meridionale.
E’ l’esordiente, che intrattiene un dialogo con il passato.
Tuttavia nelle sue pagine non si percepisce la presunzione di emulare i grandi, ma piuttosto l’amore per quella cultura, di cui la scrittrice si è nutrita.
Maria Lucia Ferlisi, una siciliana che vive al Nord, ritorna alle origini con la mente e con lo spirito, confermando l’inscindibilità di un legame.
Gli autori isolani, o che appartengano al passato o che siano scrittori emergenti, non si distaccano mai totalmente dalle proprie radici.
Possono guardare al passato o al presente, possono sentirsi in sintonia o in conflitto, possono dare un’immagine vera o deformata, ma non recidono mai completamente il cordone ombelicale, che li lega alla Terra Madre.
E Maria Lucia Ferlisi con questo romanzo ha fatto ritorno nella sua Regione, lasciando i lettori di fronte a un affascinante quesito: “
Può esistere ancora una letteratura meridionale o, in senso esteso, una letteratura regionale?”.


Titolo: Un leggero caldo vento di scirocco
Autore: Maria Lucia Ferlisi
Edizione: Leucotea, 2016
link d’acquisto:


La lettrice di cartadiMaria LuciaDesign byIole